×

Le 10 parti del corpo che scompariranno: lo studio lo conferma

Secondo il celeberrimo biologo e naturalista britannico Charles Darwin, padre della teoria dell’evoluzione, ci sono alcune parti del corpo umano “superflue” che “spariranno”.

default featured image 3 1200x900 768x576

Sapevate che Charles Darwin (1809 – 1882), padre della teoria dell’evoluzione, sosteneva che tra 300 anni – 500 da quando egli visse – alcune parti del corpo umano non esisteranno più? Fa orrore a pensarci, ma è ciò che lo scienziato scriveva “L’origine dell’uomo e la selezione sessuale” (The Descent of Man, and Selection in Relation to Sex, 1871).

Vediamo nei dettagli quali parti non ci serviranno più: sarà una scoperta veramente sconvolgente e sconcertante, se ci si pensa oggi.

Le dita dei piedi

Le dita scompariranno

Ricerche scientifiche hanno stabilito che l’essere umano oggi mantiene l’equilibrio utilizzando soprattutto la pianta del piede, la parte centrale dell’arto.

Ciò è avvenuto nel corso dell’evoluzione della specie, perciò andando avanti le dita, incredibilmente, potrebbero “non servirci più”, secondo il celeberrimo biologo e naturalista britannico del XIX secolo.

Tubercolo di Darwin

Non ci sarà più

Con questo termine si intendono le piccole pieghe che si trovano spesso sul bordo delle orecchie, scoperte però non dall’ideatore della teoria evoluzionistica, bensì dallo scultore Thomas Woolner, suo connazionale. Non si tratta altro che di ciò che rimane del prolungamento delle orecchie di molti mammiferi: servono per sentire meglio determinati rumori, ma servono sempre di meno.

Capezzoli maschili

Naturalmente nelle femmine i capezzoli producono latte, ma per i maschi – i cui capezzoli producono poca prolattina – non servono.

Perciò Darwin ha ritenuto che con il tempo non dovessero esserci più.

Setto nasale

Senza di esso, con la quantità di aria che passa attraverso le membrane delle mucose, la testa peserebbe di meno e perciò è più “utile” non averlo.

I denti del giudizio

Quante volte si sente dire: “Mi fa male il dente del giudizio” o “Devo togliere il dente del giudizio? Agli uomini primitivi questi denti servivano per masticare alimenti di origine vegetale, ma oggi non sono più utili: ecco perché, oltre che per il dolore, vengono tolti. Perciò potrebbe arrivare il momento in cui non ci saranno più del tutto.

I muscoli dell’avambraccio

Vanno dal gomito al polso e si trovano soltanto nell’11% delle persone. Non servono per svolgere molte attività, perciò dovrebbero “scomparire” anch’essi.

Le costole

Si parla delle costole cervicali, che hanno soltanto l’1% delle persone. A volte sono presenti soltanto da una parte. Più che “inutili”, sono dannose, perché possono causare problemi ad arterie e nervi.

Alcuni peli del corpo

Non penseremmo certo alle sopracciglia: teoricamente dovrebbero servire ad evitare che il sudore ci arrivi negli occhi, ma non servono ad altro. Più che altro sono considerate una caratteristica più o meno estetica e persino uno strumento di seduzione.

Il coccige

Si tratta dell’ultima parte della colonna vertebrale, la coda dei mammiferi preistorici: essa aveva lo scopo di comunicare con gli altri animali e mantenere l’equilibrio, ma oggi non ha più questa funzione, perciò “verrà eliminato”.

Contents.media
Ultima ora