×

Borse di Chanel fatte a pezzi dalle influencer russe per protesta: il motivo

Le sanzioni contro Mosca e la regola per gli acquisti all'estero della maison francese: perché le influencer russe si scagliano sui social contro Chanel

Uno store di Chanel

Le influencer russe si scagliano sui social contro Chanel e oltre a quella vera e terribile che il loro presidente sta portando in Ucraina c’è anche la guerra tutta interna al mondo social contro gli effetti delle sanzioni sulla moda e sugli acquisti.

In buona sostanza l’applicazione rigorosa da parte della maison Chanel delle norme previste dalle sanzioni sta mettendo in crisi, poverette, le ricche influcencer russe. Sono molti infatti i marchi che non solo hanno fatto donazioni al popolo dell’Ucraina, ma che hanno diligentemente abbassato le saracinesche in Russia.

Influencer russe contro Chanel, le proteste

Chanel però ha fatto di più ed ha disposto un “setaccio” alla clientela anche al di fuori dell’ambito geografico di applicazione delle sanzioni, vale a dire il territorio della Russia.

Che significa? Che il marchio francese non solo applica le sanzioni ma si sta regolando la vendite dei propri prodotti anche fuori dal Paese, nei negozi di Dubai, in Turchia ed in Europa. Ecco perché sui social si è scatenata una protesta che ha coinvolto addirittura una portavoce del governo russo.

Saracinesche abbassate e regole all’estero

Tuttavia la Maison Chanel tira dritta e spiega di essersi limitata ad applicare le sanzioni europee.

Le clienti russe hanno denunciato via social di non essere riuscite a comprare borse e accessori Chanel da nessuna parte e su Telegram molte influencer hanno spiegato che gli staff delle boutique chiedono i documenti e se le potenziali acquirenti sono russe “obbligano” le clienti a firmare una dichiarazione di impegno a non indossare i loro acquisti in Russia. La più arrabbiata pare essere l’interior designer Lisa Litvin che ha raccontato su Instagram la sua esperienza al negozio Chanel nel Mall of the Emirates.

Ci dispiace tanto Lisa.

Contents.media
Ultima ora