×

Le parole amare di Amber Heard: “Sono ancora più delusa dal verdetto”

A seguito della sentenza a favore dell'ex marito, Amber Heard si è detta delusa e affranta: "Fa tornare indietro l'idea che la violenza contro le donne debba essere presa sul serio".

Amber Heard delusione

Delusa e affranta per il verdetto arrivato dopo un lungo processo Amber Heard ha rotto il silenzio. In una nota l’attrice ha affermato: “La delusione che provo oggi va oltre le parole. Sono affranta dal fatto che la montagna di prove non sia stata sufficiente a contrastare il potere sproporzionato, l’influenza del mio ex marito.

Sono ancora più delusa da ciò che questo verdetto significa per altre donne. È una battuta d’arresto. Riporta indietro le lancette dell’orologio a un tempo in cui una donna che parlava e si esprimeva poteva essere pubblicamente svergognata e umiliata. Fa tornare indietro l’idea che la violenza contro le donne debba essere presa sul serio”.

Amber Heard esprime la propria delusione dopo il verdetto

L’attrice nel rimarcare il suo stato d’animo ha poi puntato il dito contro i legali dell’ex marito che – a detta sua avrebbero portato la giuria a ignorare delle prove che aveva definito centrali e già portate all’attenzione nel precedente processo nel Regno Unito:

“Ritengo che i legali di Johnny siano riusciti a indurre la giuria a sopravvalutare la questione chiave della libertà di parola e ad ignorare prove così schiaccianti da consentirci di vincere nel Regno Unito.

Sono triste perché ho perso questo processo, ma sono ancor più triste perché mi sembra di aver perso il diritto, che pensavo di avere in quanto americana, di parlare liberamente e apertamente”.

Cosa ha stabilito la giuria

Il conto presentato dalla giuria a seguito del verdetto arrivato alle ore 21.00 italiane di mercoledì 1 giugno è stato salatissimo.

L’attrice dovrà infatti corrispondere circa 15 milioni di dollari a titolo di risarcimento: “Sono triste per aver perso questa causa. Ma sono ancora più triste per il fatto che sembra che io abbia perso un diritto che pensavo di avere come americano: quello di parlare liberamente e apertamente”, ha rimarcato nella conclusione del lungo post.

Contents.media
Ultima ora