×

Le ultime sul caso Ruby

default featured image 3 1200x900 768x576
images?q=tbn:ANd9GcTBhkZE39YlaG1WNX2G2wr8xm7 YmsD v8nscKdHN5yAVMjSh2i

Non sembra volersi placare il tormentone scatenato dalle accuse della Procura di Milano a Sivlio Berlusconi.
Oggi si sarebbe dovuto tenere l’esame degli atti della magistratura da parte dei componenti della Giunta per le elezioni (che alla Camera incorpora la funzione di autorizzare le richieste di procedimento contro i deputati) ma la seduta è stata rinviata a martedì prossimo.
Sul versante delle indagini invece arrivano le prime vere rassicurazioni. Sembra infatti che, fra gli elementi raccolti dai PM, non siano presenti video compromettenti.

Nel frattempo l’ondata di indignazione inizia a colpire anche i “fedelissimi” del Cavaliere. Dopo la richiesta, quantomai prevedibile, da parte delle opposizioni di lasciare Palazzo Chigi, anche i più vecchi amici di Berlusconi iniziano a vacillare. Tra questi infatti, Giuliano Ferrara, da sempre strenuo sostenitore delle posizioni del premier ma anche neo-cattolico convinto, dalle colonne del Foglio invita il Presidente del Consiglio a chiarire la propria posizione oppure a dimettersi.

Sembra quindi complicarsi la situazione di Berlusconi che, oltre ad essere ufficialmente indagato dalla Procura di Milano per concussione e sfruttamento della prostituzione minorile, si trova a dover fronteggiare il fuoco incrociato di vecchi amici e nuovi nemici.
Dopo il colloquio con Napolitano di ieri, prima del quale il Quirinale aveva già espresso “preoccupazione”, spuntano anche le dichiarazioni di Ruby che afferma di aver “chiesto 5 milioni al premier”, e quelle della sua coinquilina che sostiene di averla sentita parlare di rapporti sessuali.
La stoccata finale arriva poi nella tarda serata. A Ballarò, Giovanni Floris riceve l’ennesima telefonata di Berlusconi, ma stavolta non risponde. “Se vuole, lo aspettiamo in studio per la prossima settimana”, glissa il conduttore.
Non resta quindi che attendere i nuovi sviluppi di quella che molto sono concordi nel considerare la prossima “ultima avventura del Premier”.

Vincenzo Nastasi

Contents.media
Ultima ora