Le zone a rischio valanghe in Italia - Notizie.it
Le zone a rischio valanghe in Italia
Guide

Le zone a rischio valanghe in Italia

Pericolo di valanghe significa pericolo di morte. In Italia negli ultimi 20 anni si sono registrati in media 19 morti all’anno a causa delle Valanghe. La stragrande maggioranza dei decessi avviene per soffocamento, ma molti periscono anche in seguito alle ferite riportate.
La possibilità di essere ritrovati ancora in vita dopo una valanga diminuisce drasticamente col passare del tempo: dopo 15 minuti, solo un terzo delle persone completamente sepolte sotto la neve è ancora in vita.
Il bollettino valanghe non può tener conto delle situazioni locali. I responsabili delle piste o dei servizi di soccorso osservano costantemente l’evoluzione del pericolo di valanghe e mettono in guardia tramite tavole d’avvertimento (spesso accompagnate da segnali luminosi lampeggianti) dall’avventurarsi nella zona non controllata per gli sport sulla neve, oppure sbarrano piste, itinerari e sentieri per gli sport sulla neve.
Le aree al di fuori delle piste e degli itinerari sono considerate zone non controllate per gli sport sulla neve e non sono né demarcate né assicurate dal pericolo di valanghe.
In caso di dubbio, il cartello accanto informa l’utente se la discesa è demarcata e assicurata o se fa parte della zona non controllata.

A partire dal grado di pericolo «marcato», il cartello accanto e il segnale luminoso lampeggiante – esposti presso gli impianti di risalita – mettono in guardia gli utenti.
Restare sulle discese demarcate e aperte!
Non percorrete in nessun caso piste, itinerari e sentieri chiusi!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*