Legge bavaglio: la morte di D'ambrosio è il perfetto "casus belli" per il Pdl - Notizie.it
Legge bavaglio: la morte di D’ambrosio è il perfetto “casus belli” per il Pdl
Roma

Legge bavaglio: la morte di D’ambrosio è il perfetto “casus belli” per il Pdl

 

Con la scusa della morte di Loris D’Ambrosio, il Pdl chiede il bavaglio alle intercettazioni: pare infatti un delitto lasciarsi sfuggire il ghiotto boccone , utile soprattutto per strumentalizzare la vicenda della giustizia a vantaggio dei berluscones e delinquentoni di turno, per i quali le intercettazioni potrebbero rivelarsi esposive. A insistere è il “burattino” Alfano che tuona: “basta aspettare”. In tutto ciò il ministro della Giustizia Paola Severino non sa più come temporeggiare , ha infatti ritardato l’approvazione del provvedimento sostenendo di voler porre alla maggioranza alcune personali modifiche del ddl. Alfano dice : “Noi da mesi aspettiamo la proposta del governo sulle intercettazioni così come concordato con il presidente Monti, con il ministro Severino e con gli altri leader che sostengono il governo. Su questo argomento non pazienteremo ancora a lungo”. Ad aggiungersi al coro degli imbavagliatori salvifici ( delle loro teste e relative poltrone), pure il capogruppo Pdl Fabrizio Cicchitto : “a settembre riproporremo una proposta in materia che tenga conto del disegno di legge già calendarizzato più volte”.

Ma il Csm, interviene e chiede libertà di intercettare. Il vicepresidente Michele Vietti afferma: Vogliamo verificare la corretta applicazione dell’articolo del Codice che già oggi prevede una udienza in cui, su richiesta del pm e dei difensori, il giudice decide quali intercettazioni inserire nel fascicolo dibattimentale, escludendo quelle manifestamente irrilevanti, prassi troppo spesso disattesa”. Il dibattito diventa tuttavia alquanto spinoso d una Federazione Nazionale della Stampa , in allarme, avverte che non attuerà modifiche restrittive, “perché non saranno mai accettabili bavagli, né per un giornale, né per un’intera categoria”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche