Come leggere la moc per osteoporosi | Notizie.it
Come leggere la moc per osteoporosi
Salute & Benessere

Come leggere la moc per osteoporosi

MOC

La MOC è l'esame di riferimento per diagnosticare una osteoporosi. Ecco come funziona.

In alcune fasi della vita, soprattutto di una donna, il rischio di soffrire di osteoporosi è piuttosto alto. Per capire quale sia il rischio di essere incappati in tale patologia, esiste un test in grado di misurare la quantità di sali di calcio presenti nelle ossa. Il test, molto semplice da effettuare, si chiama MOC, ovvero mineralometria ossea computerizzata, ed è molto efficace. Vediamo di cosa si tratta.

L’osteoporosi

L’osteoporosi è una malattia progressiva delle ossa che si caratterizza per una diminuzione della massa e della densità ossea. A causare questa problematica è la carenza di sali di calcio presenti nello scheletro, tale da aumentare il rischio di fratture. Nell’osteoporosi, dunque, la densità minerale ossea si riduce, la microarchtettura dell’apparato scheletrico si deteriora e le proteine sono alterate. Il termine si riferisce quindi alla fragilità ossea che fa seguito a tale carenza. La malattia dell’osteoporosi può essere classificata come tipo primario 1, tipo 2 o di tipo idiopatico.

Vediamo quali sono le differenze e cosa comportano.

I tipi di osteoporosi

L’osteoporosi può essere di natura primaria se originale o secondaria se causata da altre situazioni. Nell’osteoporosi primaria, la forma più comune nelle donne in seguito alla menopausa è quella di tipo 1, anche detta osteoporosi postmenopausa. In questo caso, la patologia è il frutto di un repentino calo ormonale dovuto, ovviamente, a fattori fisiologici. Quella di tipo 2, o senile, avviene solitamente dopo i 75 anni e si può manifestare sia negli uomini che nelle donne in ugual misura. Le cause possono essere diverse, spesso da riferire al carente apposto di micronutrienti e ormoni. L’osteoporosi idiopatica, invece, è la più rara tra le tre e le cause per le quali si manifesta sono tuttora sconosciute. L osteoporosi secondarie sono, infine, quelle causate da altre patologie, e rappresentano circa il 5% dei casi totali.

Cos’è la MOC

La mineralometria ossea computerizzata, abbreviata in MOC, è il test attraverso il quale è possibile diagnosticare un’osteoporosi. La MOC usa i raggi x per la diagnosi, ma il tipo di radiazione che viene adoperata per l’esame è molto bassa, più bassa di quella a raggi x, ed è molto più piccola. Il test del moc è l’unico test utile per capire se sei affetto da osteoporosi o osteopenia. Per leggerla, bisogna affidarsi a un centro specializzato in grado di valutare il T-score. Qualora i valori fossero tra +1 e -1, allora si ha una normale mineralità delle ossa. Nel caso in cui la MOC dia valori inferiori o superiori il quadro clinico deve essere approfondito. L’esame non richiede particolari preparazioni e ha una durata molto breve. Nel giro di qualche minuto, infatti, la macchina è in grado di restituire un responso affidabile.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche