×

Leo Torna in Consiglio Regionale

Condividi su Facebook

Non sai mai se lo è o ci fa. Certo è che il ritorno di Giampiero Leo rimette le cose al loro posto. Cosa sarebbe stato Palazzo Lascaris senza il profeta del «volemose bene» in salsa calabro-piemontese? Ieri il Consiglio regionale ha votato all’unanimità e, a sentire lui, con ovazioni degne dell’Olimpico, il suo ritorno tra i banchi al posto di Claudia Porchietto diventata assessore.

Ovazioni o meno, è credibile il sincero affetto per un politico, volto piemontese di Cl, in Regione dal 1990 e nel volontariato cattolico da quando era poco più che ventenne, che deve le sue fortune nel mettere insieme, con soddisfazione di entrambi, il diavolo e l’acqua santa, sinistra e destra, giovani dei centri sociali e quelli degli oratori.

D’altra parte, com’è possibile prendersela con uno che, appena arrivato a Torino dalla sua Catanzaro e finito in un’infuocata assemblea studentesca si sgolava per spiegare che lui, orgogliosamente Dc, non era «del Pci», quando i contestatori gli stavano urlando «picio, picio». Insomma, un buono che anche oggi, epoca di tagli feroci alla sua amata cultura, predica dialogo e mitezza.

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Redazione Notizie.it

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.