L'Eredità, la gaffe a luci rosse di un concorrente
L’Eredità, la gaffe a luci rosse di un concorrente
Gossip e TV

L’Eredità, la gaffe a luci rosse di un concorrente

l'eredità

A "L'Eredità" un concorrente è stato protagonista dell'ennesima gaffe a luci rosse. Lo scivolone ha fatto scoppiare le risate del pubblico in sala.

Ennesima gaffe a “L’Eredità”, dove un concorrente, concentrato sulla parola da indovinare, ha pronunciato un vergognoso vocabolo che non è sfuggito al pubblico della trasmissione. Nella sala sono scoppiate le risate, mentre Carlo Conti, ancora addolorato per la morte di Fabrizio Frizzi, ha liquidato il tutto con un sorriso tirato.

Gaffe a luci rosse a “L’Eredità”

Ancora una gaffe a sfondo scabroso a “L’Eredità”, dove nella puntata dell’11 aprile 2018, nel duello dei 60 secondi tra Davide e Cinzia, il concorrente è andato nel pallone e ha commesso uno scivolone davvero memorabile. Alla descrizione della parola che iniziava con la Z “Hanno suole vistose e tacchi alti”, Davide ha risposto prima “zoccoli”, poi, nel caos, si è buttato su “zocc**le”, generando il riso del pubblico in sala e dell’avversaria Cinzia. Alla fine, il concorrente è riuscito ad arrivare alla soluzione, la parola “zatteroni”.

Questa è solo una delle tante figuracce che la trasmissione di Rai 1 ha visto negli ultimi anni.

Basti ricordare “Il Monte Bianco è in Sardegna” o “Il Presidente del Consiglio è Mattarella” o ancora “Il Muro del Pianto si trova a Berlino”. La compilation è lunga e meriterebbe di essere elencata in un libro.

La reazione di Carlo Conti

Carlo Conti, che di solito cerca di sdrammatizzare le infauste uscite di alcuni concorrenti, si è limitato a un sorriso divertito, senza spingersi oltre: nessuna battuta, nessun commento spiritoso. Probabilmente, il conduttore toscano non si è ancora ripreso dalla tragica morte dell’amico e collega Fabrizio Frizzi, che ha presentato “L’Eredità” prima di lui. Lo stesso ritorno di Conti alla trasmissione non è stato caratterizzato dalla vitalità che anima generalmente il presentatore, il quale aveva affermato che l’assenza di Frizzi era per lui un vero e proprio strazio. “Non riesco a commentare una cosa che mi tocca così da vicino, preferisco il silenzio per cercare di metabolizzarlo” ha dichiarato alla stampa. “Andare in onda è stato triste, ho messo il ‘pilota automatico’, ma è stato difficile andare avanti perché eravamo veramente legati.

Mi chiamava ‘fratellone’ e questo dice tutto”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche