L'ex assessore Tea Albini scopre il velo sulla faccenda autovelox. - Notizie.it
L’ex assessore Tea Albini scopre il velo sulla faccenda autovelox
Firenze

L’ex assessore Tea Albini scopre il velo sulla faccenda autovelox


La faccenda della “strage” dei 50 mila verbali in 3 mesi di viale Etruria ha avuto ieri un colpo di scena. Secondo Tea Albini, ex Assessore al Bilancio della giunta Domenici, in giugno i due autovelox di viale Etruria e viale Gramsci – responsabili di una massacro in fatto di multe – sarebbero stati tarati al ribasso, da 70 a 50 kmh.
E senza i comunicati stampa e la comunicazione diretta con cittadino per la quale l’attuale giunta intende distinguersi. Dunque il “multificio” contro il quale si era pronunciato il sindaco Renzi – dopo aver tolto i vigilini dalle strade di Firenze – sarebbe stato reintrodotto in altre forme. Tea Albini del PD aggiunge: “Matteo Renzi ha fatto campagna elettorale contro il multificio, dicendo di voler ridurre le multe perché sono un espediente vessatorio di far cassa. Ma, appena in carica, invece di frenare ha accelerato. Stando alle cifre, il 2010 batterà tutti i precedenti della giunta Domenici.” Tea Albini denuncia anche le risposte evasive che sono state date in questi giorni dall’attuale giunta, che ha glissato sull’argomento (in primis l’assessore alla Mobilità Mattei e il comandante dei Vigili), nonostante si parli di una cifra totale di 50 milioni di euro.

Ora lo spauracchio dei responsabili del bilancio comunale sono i ricorsi. E infatti la palla passa all’Associazione Diritti Utenti e Consumatori (Aduc, 055.290606, Via Cavour 68), secondo la quale entrambi gli autovelox sarebbero mal segnalati, cosa che farebbe scattare il ricorso per le multe già estinte e l’annullamento da parte del Giudice di Pace per quelle ancora in essere.

var _gaq = _gaq || [];
_gaq.push([‘_setAccount’, ‘UA-18908968-1’]);
_gaq.push([‘_trackPageview’]);

(function() {
var ga = document.createElement(‘script’); ga.type = ‘text/javascript’; ga.async = true;
ga.src = (‘https:’ == document.location.protocol ? ‘https://ssl’ : ‘http://www’) + ‘.google-analytics.com/ga.js’;
var s = document.getElementsByTagName(‘script’)[0]; s.parentNode.insertBefore(ga, s);
})();

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*