×

Libia: madre coraggio pescatore sequestrato, 'Bedda matri, è successo ancora?'

default featured image 3 1200x900 768x576

Palermo, 6 mag. (Adnkronos) – "Bedda matri, è successo ancora? Come mi dispiace…". A parlare con l'Adnkronos è Rosetta Ingargiola, la madre di Pietro Marrone, il comandante della nave Medinea che a settembre fu sequestrata dai libici per 108 giorni, commentando il ferimento del comandante della nave Aliseo.

"Credo che non sia più il caso di andare da quelle parti", dice Rosetta, diventata in quei giorni 'mamma coraggio' perché nonostante abbia superato i 70 anni ha dormito davanti Montecitorio in una tenda per chiedere il rilascio dei 18 pescatori sequestrati. "Io ho visto le condizioni in cui era ridotto mio figlio Pietruzzo quando sono stati rilasciati -dice – Era pelle e ossa, era ridotto molto male. Sembrava venire dal terzo mondo, era irriconoscibile.

Poi, piano piano si è ripreso. Ma io prima che partisse di nuovo gli ho detto: 'A mamma, se vai di nuovo lì distruggi la tua vita ma anche la mia'. E adesso si trova nelle acque tra Malta e Lampedusa".

Contents.media
Ultima ora