Dopo il coming out, Marco Carta si difende dalle accuse
Lifestyle

Dopo il coming out, Marco Carta si difende dalle accuse

Marco Carta
Marco Carta

Dopo aver fatto coming out, Marco Carta si difende dalle critiche. In tanti lo accusano di aver escogitato una mossa pubblicitaria

Nel salotto di Barbara D’Urso, il cantante lanciato da Amici ha rivelato di essere gay. Marco Carta è innamorato e fidanzato con un ragazzo. “Il primo bacio che ho dato a un ragazzo mi ha lasciato senza respiro. Sono qui perché deve essere normale per le persone che stanno a casa, per le famiglie. Mi faceva soffrire non poter camminare per strada con la persona che amo”, ha raccontato Marco a Pomeeriggio 5.

Il cantante ha tenuto a precisare che questa confessione è arrivata solo dopo dieci anni di carriera, perché solo ora si è sentito pronto a dirlo.“Ognuno di noi ha il proprio percorso. Io ci ho messo questo tempo ma oggi mi sento pronto, sicuro di fare coming out. Sono molto felice, mi sento un peso in meno, forse trenta chili in meno”, ha confidato con il sorriso il vincitore del Festival di Sanremo 2009. Quindi ha aggiunto: “Voglio liberare la mia anima, il mio corpo, ma soprattutto la mia scrittura, la mia musica”.

Così ha lanciato un nuovo singolo che affronta in parte proprio questo argomento.

All’indomani della sua rivelazione, in tanti lo accusano di aver escogitato una mossa pubblicitaria per accrescere l’attenzione su sé e la sua carriera. Ma Carta si è difeso dalle accuse.

Marco Carta si difende dalle critiche

Il coming out del cantante sardo ha lasciato dubbi e scatenato polemiche. In molti lo accusano di averlo fatto per ragioni pubblicitarie a pochi giorni dall’uscita del suo nuovo singolo, “Una foto di te e di me”.

Marco Carta

Lui però si è difeso. “Se avessi fatto coming out, come dicono, per vendere più copie allora l’avrei fatto un anno fa, in occasione dell’uscita del mio album. Non avrei certo aspettato la pubblicazione di un singolo.

Il cantante era consapevole fin da ragazzino del suo orientamento sessuale, ma accettarlo non è stato facile, ha raccontato. “Lo sono dalla nascita. Da ragazzino c’è stato un periodo di grande confusione, tanto che ho avuto anche alcune fidanzate, nonostante dentro di me covassi il dubbio. Il mio terrore era non poter avere figli, così evitavo di pensarci e di pormi domande. Un giorno, inaspettatamente, mi sono trovato a baciare un ragazzo: quel bacio mi ha fatto capire qual era la mia vera strada”, ha confidato.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Asia Angaroni
Leva 1996, varesotta di nascita milanese di adozione. Dall’amore per la stampa e la verità alla laurea in Comunicazione. Amante della letteratura e dell’arte, alla ricerca costante di sapienza e cultura. Appassionata di cronaca sportiva e di inchieste, desiderosa di fare della parola il proprio futuro.