UK, più di 80 relazioni con uomini sposati: "Colpa delle mogli"
UK, ha più di 80 relazioni con uomini sposati: “Colpa delle mogli”
Lifestyle

UK, ha più di 80 relazioni con uomini sposati: “Colpa delle mogli”

UK, le rivelazioni di Louise Van der Velde vedova 38enne che negli ultimi 14 anni ha avuto più di 80 relazioni con uomini sposati

“Io non rovino i matrimoni, li salvo!” Così Louise Van der Velde, vedova di trentotto anni con due figli, spiega la sua totale assenza di remore nell’incontrare uomini sposati per avere con loro relazioni sessuali. La donna, che vive a Camberley, cittadina nei sobborghi di Londra, da quando quattordici anni fa ha perso il marito, ha infatti avuto la bellezza di almeno ottanta relazioni. Tutte con uomini sposati. Ma, secondo Louise, “La maggior parte delle mogli devono incolpare solo se stesse se i loro mariti le tradiscono. Spesso tutti i loro sforzi sono rivolti ai figli, e non dedicano attenzione al matrimonio”.

La donna, nonostante abbia affermato che il matrimonio è “Una cosa da stupidi”, lavora come consulente matrimoniale nel cuore della City di Londra, in una agenzia da lei fondata. Nel corso del 2018 ha anche pubblicato un libro, Proposta decente. Un volume nel quale argomenta che, per vivere relazioni felici, molte più coppie dovrebbero avere relazioni aperte.

Una pratica che lei e il marito avevano deciso di adottare anche nell’ultimo periodo antecedente alla sua morte, fatalmente scivolato nel vuoto di un precipizio nel corso di un’escursione solitaria.

Da allora Louise non ha più smesso di avere relazioni multiple, e nonostante anche al momento ci sia un uomo in particolare nella sua vita, prosegue ad intrattenere più relazioni contemporaneamente.

La 38enne, nel corso di una intervista televisiva trasmessa in Irlanda, ha raccontato di avere incontrato il suo attuale para-compagno durante il tour promozionale dell’ultimo libro. L’uomo- sposato con due figli – racconta la donna, “Non ha alcuna intenzione di lasciare sua moglie, ma vuole solo riportare un po’ di emozioni nella sua vita”. “Lui e la moglie”, prosegue, “Sono rimasti sposati per un sacco di anni, e il loro matrimonio aveva bisogno di un forte elettroshock. Ebbene, penso che nel lungo periodo sarò proprio io a fornire quella scarica”.

Per Louise il matrimonio è “Un problema culturale”

Il problema principale, sostiene la consulente matrimoniale londinese, è “Questa folle idea, che abbiamo nelle società occidentali, per la quale bisogna concedersi ad un unico partner, e fare sesso con la stessa persona per i successivi 50 anni”. “Chi può mai aver pensato che fosse una buona idea?”, si chiede.

Louise lavora anche come volto del sito per incontri extraconiugali Ashley Madison, che nel corso degli ultimi anni, sopratutto a Londra, sembrerebbe aver registrato un vero e proprio boom delle iscrizioni. La compagnia che gestisce la piattaforma afferma che il sito guadagna nel solo Regno Unito un nuovo membro ogni 45 secondi. Dati che rendono il settore degli incontri extraconiugali il secondo mercato del mondo in ordine di crescita.

Tempi duri per i matrimoni inglesi

Non stupisce particolarmente, alla luce di queste cifre, scoprire che in Inghilterra un matrimonio ogni tre finisce in divorzio. Numeri – quelli relativi ai divorzi – che negli ultimi anni registrano un lieve calo, ma molto probabilmente solo perchè, tra le molte coppie infelici, semplicemente non tutti possono permettersi di affrontare una causa di divorzio.

Un business che da Ashley Madison assicurano non riguardare – ovviamente – solo uomini, anzi. Secondo quanto affermato da un portavoce dell’azienda, infatti, “Il numero di membri donna con più di 50 anni mi ha fortemente sorpreso”. Viene quindi riconosciuta una forte presenza del gentil sesso, quindi. Tanto da poter affermare che “Le donne sposate rappresentano le fondamenta del nostro business”. Secondo i dati diffusi, la capitale degli adulteri è Manchester, dove una persone su 27 risulta iscritta al sito. Insomma, probabilmente la terra promessa degli avvocati divorzisti.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche