Gaffe di Claudio Bisio: “Ho salutato con la mano Andrea Bocelli”
Lifestyle

Gaffe di Claudio Bisio: “Ho salutato con la mano Andrea Bocelli”

Claudio Bisio ha amesso durante la conferenza stampa di aver salutato con la mano Andrea Bocelli: "Se non mi hanno licenziato ieri non lo fanno più".

Claudio Bisio ha ammesso di aver commesso una clamorosa gaffe: durante la conferenza stampa di mercoledi 6 febbraio ha infatti affermato di aver salutato con il gesto della mamma il cantante Andrea Bocelli.

La gaffe di Claudio Bisio

Il comico, nella veste di conduttore per questa edizione del Festival di Sanremo, ha ammesso con un po di vergogna la gaffe subita. Ha anche però raccontato le sue prime impressioni rispetto alla prima serata andata in onda ieri martedì 5 febbraio: “La nostra parte è tutta in fieri, ci parleremo tra di noi e con gli autori perché secondo me meno cose scritte meglio sono per me e Virginia. Ho condotto altre cose ma non c’entrano niente col festival. Ho fatto errori e anche gaffe, ma non avevo nemmeno cenato, ero molto teso. Sanremo è un rito, che sia giusto o sbagliato chiamare due comici a farlo giudicatelo voi ma è sicuramente un azzardo. So che posso fare di meglio, per cui mi sto facendo un’auto-critica.

Mi sono sciolto quando ho salutato Bocelli con la mano. Ero convinto fosse col figlio, per l’ho fatto caz*o. Spero non gliel’abbiano detto però da lì in poi mi sono sciolto. Mi hanno detto di tutto per le mie giacche ma erano di Etro e Armani”. Baglioni scherza: “Bisogna vedere se quelle giacche le fanno anche da uomo”.

La gaffe in diretta

La gaffe è avvenuta tutta in diretta: se ne era accorto immediatamente e scritta su Twitter dal giornalista Domenico Naso. “Bisio che fa ciao con la mano a Bocelli senza dire “CIAO” è il vincitore della serata. Chiudete il televoto”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Andrea Ienco
Andrea Ienco, nato nel 1992 a Milano. Laureato in "Storia" con la passione per il cinema e per tutto ciò che è innovativo. Il Master in Giornalismo e i viaggi negli Stati Uniti mi hanno dato la possibilità di crescere e imparare le tecniche del mestiere.