Festival di Sanremo, Enrico Nigiotti contro la scaletta: “Canto sempre per ultimo”
Lifestyle

Festival di Sanremo, Enrico Nigiotti contro la scaletta: “Canto sempre per ultimo”

Enrico Nigiotti a Sanremo 2019
Enrico Nigiotti a Sanremo 2019

Prima vera polemica al Festival: Enrico Nigiotti contro la produzione colpevole di inserirlo sempre tra gli ultimi artisti in gara ad esibirsi.

Enrico Nigiotti contro il Festival di Sanremo. In diretta al Tg2 il cantante livornese si è scagliato contro la scaletta del Festival: “Canto sempre dopo la mezzanotte. Prima sera penultimo, la seconda mi è andata bene, poi diciottesimo e oggi ventunesimo”.

Nigiotti contro la scaletta

Una polemica chiara e molto diretta. Enrico Nigiotti si è lamentato in diretta al Tg2 della scaletta del Festival di Sanremo che lo ha visto quasi sempre inserito nelle ultime posizioni. E’ una contestazione molto importante perché molto spesso l’ordine di uscita risulta essere decisivo per quanto riguarda l’esito del televoto. Questo perché solitamente la platea di prima serata è molto più corposa in termini numerici di spettatori rispetto a quella di seconda o terza.

Se sono favorito? Io son favorito a cantare sempre dopo la mezzanotte, quindi grazie a chi fa la scaletta”, ha commentato molto turbato il cantante livornese.

Enrico Nigiotti ha quindi ricordato l’elenco di apparizione dell’intero Festival, sottolineando la propria rabbia: “La prima sera per penultimo, la seconda mi è andata bene, secondo, poi la terza diciottesimo.

Stasera mi dicevo ‘canterò prima’, ovviamente no, ventunesimo. Grazie”.

Gli altri artisti

Enrico Nigiotti però non sarà l’ultimo a esibirsi durante la serata finale. Andrà molto peggio a Boomdabash, Einar e Motta, che dovranno salire sul palco dopo l’artista livornese.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Andrea Ienco
Andrea Ienco, nato nel 1992 a Milano. Laureato in "Storia" con la passione per il cinema e per tutto ciò che è innovativo. Il Master in Giornalismo e i viaggi negli Stati Uniti mi hanno dato la possibilità di crescere e imparare le tecniche del mestiere.