Festival di Sanremo 2019, le pagelle della finale | Notizie.it
Festival di Sanremo 2019, le pagelle della finale
Lifestyle

Festival di Sanremo 2019, le pagelle della finale

Festival di Sanremo
Le pagelle

La 69esima edizione del Festival di Sanremo è stata vinta da Mahmood. Sul podio Ultimo e Il Volo. Polemiche per l'esclusione di Loredana Bertè.

La 69esima edizione del Festival di Sanremo è stata vinta da Mahmood. Secondo classificato Ultimo mentre sul gradino più basso del podio Il Volo. Grande polemica per l’esclusione dal podio di Loredana Bertè: il pubblico dell’Ariston ha fischiato sonoramente le decisioni della giuria. Nonostante la lunghezza della serata le esibizioni dei cantanti hanno stimolato l’interesse di tanti spettatori. Tra l’esibizione di Elisa e la performance di Virginia Raffaele, che il pubblico ha molto apprezzato, questo Festival rimane tra i più interessanti e versatili degli ultimi anni.

Mahmood

Vittoria meritata per uno dei migliori talenti di questo Festival di Sanremo. La canzone di Mahmood riscalda le mani: sarà la prossima hit dell’estate? Voto 8.5

Ultimo

Sicuramente uno dei pochi che si meritava il podio. Tutto il pubblico social se lo aspettava vincitore, un Gabbani due. Nonostante questo il brano di Ultimo sarà uno dei più seguiti. Voto 8 +

Il Volo

Il Volo tenta di unire pop e lirica (stavolta più pop che lirica, a dire il vero). Il tutto risulta piacevole grazie alla loro incredibile potenza vocale.

Podio che fa molto discutere. Voto 7 —

Francesco Renga

La canzone conferma avere un buon ritornello, classico, senza sbavature, in pieno stile Renga. Qualche imprecisione, forse dovuta all’emozione della finalissima. Voto 6

Nino D’Angelo con Livio Cori

Un Nino D’Angelo distante da tutte le sue produzioni passate. Livio Cori lo trasporta in un mondo nuovo con un sound contemporaneo. Ma il brano risulta essere totalmente incomprensibile ad un pubblico di non napoletani. Voto 4

Nek

Nek è riuscito a trovare un buon compromesso per essere sempre se stesso e al passo con quello che il mercato discografico chiede. Il cantante di Sassuolo domina il palcoscenico e risulta essere credibile. Il pezzo avrà lunga vita in radio. Voto 6,5

Zen Circus

Il loro brano ha uno dei testi più belli in gara quest’anno. È un pezzo ostico, per niente sanremese, crudo, diretto, potente. Non adatto al pubblico medio di Sanremo ma forse proprio per questo apprezzabile. Voto 7

Daniele Silvestri

Daniele Silvestri ha scritto una canzone coraggiosa, con un testo diretto e molto intenso. Ancora una volta un brano poco sanremese, ma di spessore. Voto 6.5

Federica Carta e Shade

Performance interessante. Nonostante la canzone risulti radiofonica, il brano non è stato molto apprezzato dal pubblico. L’esibizione è stata energica ma mancante di spessore. Voto 6,5

Ultimo

E’ sicuramente il grande favorito di questo Festival: il suo dinamismo e la sua carica non deludono le aspettative. Voto 8 +

Motta

Uno dei cantanti indie di spicco della musica italiana: sicuramente nella scrittura una delle migliore ma non nella musicalità. Esibizione elettrica ma allo stesso tempo riflessiva per il tema di cui tratta. Voto 5 +

Patty Pravo e Briga

Nonostante il testo sia molto interessante dal punto di vista della scrittura, la creatività degli autori viene messe meno dalla scarsezza della performance vocale. Ci si aspettava molto di più. Voto: 4,5

Simone Cristicchi

Sicuramente uno dei testi più interessanti del Festival: un inno all’amore e alla vita. Durante l’ultima esibizione sul palco dell’Ariston il cantante romano si è visibilmente commosso. Voto 6

Anna Tatangelo

La canzone è orecchiabile, Anna ha sempre la solita grande voce ma anche al secondo ascolto il testo rimane scontato. Voto 5

Irama

Canzone nel range dell’artista: il brano è innovativo rispetto alle sue altre canzoni con un suond fresh. Il coro garantisce quel tocco in più all’esibizione. Voto 7

Enrico Nigiotti

Canzone di spessore e ottima interpretazione: peccato per qualche errore di imprecisione. Anche nella versione cd la canzone si conferma come una delle migliori al Festival. Durante l’ultima esibizione il cantante livornese non ha trattenuto le lacrime forse pensando proprio al nonno a cui è dedicata la canzone. Voto 7

Mahmood

Vittoria meritata per uno dei migliori talenti di questo Festival di Sanremo. La canzone di Mahmood riscalda le mani: sarà la prossima hit dell’estate? Voto 8.5

Loredana Bertè

Loredana è probabilmente l’unica cantante tra i 24 in gara in grado di mantenere il palco e garantire un’ottima performance nonostante non sia in serata di grazia. La Bertè ha ottenuto l’ennesima standing ovation da parte degli spettatori dell’Ariston. Meritava la vittoria finale Voto: 9,5.

Paola Turci

Il voto sarebbe stato 10 se stessimo parlando solamente di look: sensuale e sexy come poche cantanti che hanno calcato questo palco. Non deve dimostrare nulla ma porta a casa una canzone non eccezionale. Voto 7

Achille Lauro

La sua seconda esibizione sul palco dell’Ariston parte davvero come una bomba: un cantante che cita Vasco Rossi, De Gregori, Elvis e Amy Winehouse merita il nostro sostegno. Voto: 6,5

Arisa

A differenza delle prime serate Arisa questa volta commette troppi errori: uno sbaglio di tempo all’inizio ha rischiato di rovinare tutta l’esibizione. Colpevole probabilmente un forte attacco influenzale. Peccato perché la sua canzone rimane una delle migliori in gara. Voto 6

Ex Otago

Il gruppo canta l’amore di mezzo, quello probabilmente di maggior difficile comprensione. Nonostante questo la canzone con il passare degli ascolti migliora nettamente. Voto: 6,5

Ghemon

Uno dei pezzi migliori di questo Festival: grande soul che garantisce alla canzone una buona dose di ritmo. Voto 7 –

Negrita

E’ forse l’unico brano che al secondo ascolto non migliora: poco incisivo e molto poco radiofonico. Voto: 5

Einar

Einar ha un pezzo forse troppo scontato e eccessivamente sanremese. E’ un vero peccato perché lui è molto bravo e credibile ma la canzone si perde in un bicchier d’acqua. Voto 5,5

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Andrea Ienco
Andrea Ienco 34 Articoli
Andrea Ienco, nato nel 1992 a Milano. Laureato in Storia con la passione per il cinema e per tutto ciò che è innovativo. Il Master in Giornalismo e i viaggi negli Stati Uniti mi hanno dato la possibilità di crescere e imparare le tecniche del mestiere. Amante dei libri, specialmente storici, con il sogno nel cassetto di scriverne uno.