La Russa e il figlio rapper: “Se lo becco con la droga lo ammazzo”
Lifestyle

La Russa e il figlio rapper: “Se lo becco con la droga lo ammazzo”

Ignazio La Russa
Ignazio La Russa

Larus, nome d'arte del terzo figlio di Ignazio La Russa canta "Sono tutto fatto". Ma il padre precisa: "Se lo becco con la droga lo uccido"

Pizzetto immancabile, personalità forte e nitida, spesso senza filtri, accento marcatamente siciliano. Ma anche la sua verve e quella voce inconfondibile hanno catturato l’attenzione degli italiani. Ignazio La Russa è avvocato e politico ed è stato ministro della Difesa nel quarto governo Berlusconi. Nel marzo 2018 è diventato vicepresidente del Senato.

Lui e la moglie Laura De Cicco formano una coppia molto affiatata e innamorata. Hanno tre figli: Antonino Geronimo, Lorenzo Cochis e Leonardo Apache. Ed è proprio il terzogenito di casa La Russa ad aver intrapreso la carriera nel mondo della musica. Larus, nome d’arte del rapper, canta “Sono tutto fatto”. Ma il papà non gli dà tregua e subito incalza: “Se lo becco con la droga lo ammazzo”.

Il figlio rapper di Ignazio La Russa

“Fa il rapper per hobby, non ho voluto che si chiamasse La Russa. Così lui ha accorciato il nome. Nella canzone dice “sono tutto fatto”? Tranquilli, non è fatto, il concetto di fatto ha un significato diverso.

Comunque, i padri sono sempre gli ultimi a saperlo, se lo acchiappo con la droga lo ammazzo”. E ancora: “Lui mi ha detto che se in queste canzoni non ci si mette le parolacce non hanno senso. Gli ho chiesto il perché”. La risposta è stata secca e decisa, senza troppi giri di parole: “Papà, non sai un cazzo dei rapper”. Ma poi La Russa ha voluto sottolineare: “Io sono un liberale. Ho le mie idee e non voglio imporle a nessuno, neanche a mio figlio”, riporta La Repubblica. Sono questi i commenti e i racconti a cui si è lasciato andare il vicepresidente del Senato nel corso di una simpatica intervista a Radio Capital.

Sulle sostanze stupefacenti sembrano proprio non andare d’accordo a casa La Russa, ricorda Tpi. Il vicepresidente del Senato, infatti, ha più volte espresso pubblicamente la sua contrarietà alla droga legale.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Asia Angaroni
Leva 1996, varesotta di nascita milanese di adozione. Dall’amore per la stampa e la verità alla laurea in Comunicazione. Amante della letteratura e dell’arte, alla ricerca costante di sapienza e cultura. Appassionata di cronaca sportiva e di inchieste, desiderosa di fare della parola il proprio futuro.