×

Beverly Hills 90210, addio a Jed Allan: era il padre di Steve

E' morto a 84 anni Jad Allan. Aveva interpretato il padre di Steve in Beverly Hills 90210. La notizia arriva poco dopo la morte di Luke Perry.

jed allan

Non si tratta certo di un bel momento per il cast e i fan del telefilm Beverly Hills 90210. Dopo la prematura scomparsa di Luke Perry avvenuta a seguito di ictus, la serie tv dice addio ad un altro dei suoi protagonisti, Jed Allan. L’attore è mancato all’età di 84 anni, ed era noto anche per la soap opera “Santa Barbara”. Allan, nella serie, ricopriva il ruolo di Rush Sanders, il padre di Steve Sanders, interpretato da Ian Ziering.

Chi era Jed Allan

L’attore, il primo marzo, aveva compiuto 84 anni. Ha fatto parte del cast di diversi film, tra cui “Il tempo della nostra vita” e “Santa Barbara”. Negli anni 90 riuscì ad ottenere il ruolo in Beverly Hills 90210, mentre nel 2004 ha interpretato Edward Quatermaine in “General Hospital”.

Jed Allan è stato sposato con Toby Brown dal 1958 al 2001, anno della morte della donna. Avevano tre figli: Mitch, Dean e Rick. La coppia ha sempre vissuto a Palm Desert, in California, nella stessa abitazione dove Allan è morto.

Il ricordo di Ian Ziering

Ian Ziering, che nella serie tv interpretava Steve, il figlio di Rush (Jed Allan), ha voluto ricordare il collega con un messaggio su Instagram, poco dopo aver appreso la notizia: “Sono rattristato nel sapere che abbiamo perso un altro membro del cast di 90210. Ho avuto il piacere di lavorare con Jad Allan dal 94 al 99. Ha ricoperto il ruolo di Rush Sanders, il padre di Steve. E’ stato bello lavorare con lui. Ci mancherà” ha concluso l’attore.


Nata in provincia di Lodi, classe 1995, è laureata in "Scienze Umanistiche per la Comunicazione" all’Università Statale di Milano. Collabora con Notizie.it.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Antonella Ferrari

Nata in provincia di Lodi, classe 1995, è laureata in "Scienze Umanistiche per la Comunicazione" all’Università Statale di Milano. Collabora con Notizie.it.

Leggi anche