Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Bruno Barbieri vittima dello scherzo de Le Iene nell’hotel da incubo
Lifestyle

Bruno Barbieri vittima dello scherzo de Le Iene nell’hotel da incubo

Le Iene

"Ho paura che succeda qualcosa" ammette Bruno Barbieri, che incappa in un albergo sporco e frequentato da persone poco raccomandabili.

Ad un certo punto Bruno Barbieri potrebbe aver pensato di essere a Scherzi a parte, ed invece a farsi beffa di lui sono state Le Iene. Dopo MasterChef il 57enne si è dedicato infatti alle recensioni dei migliori alberghi d’Italia. L’hotel scelto dalle Iene però è davvero da incubo, più simile in effetti a quelli visitati dal collega Gordon Ramsay.

Le “bastardissime” Iene

“Adesso rido… ci vediamo su Italia1 a Le Iene! Bastardissimi!” sottolinea Bruno Barbieri, anticipando lo scherzo di Nicolò De Devitiis che andrà in onda martedì 26 marzo 2019. “Mamma mia c’è una puzza!” Inizia infatti così il suo soggiorno nell’albergo da incubo.

Quando lo chef apre la finestra, infatti, trova sul davanzale un povero gatto morto (che non è chiaro dove Le Iene lo abbiano recuperato). A sentire la reazione di Barbieri, il piccolo felino si troverebbe lì “da giorni”.

Una volta risolto questo problema, il 57enne si reca in bagno, e lì ha un’altra spiacevole sorpresa visto che il water è completamente sporco.

Dallo spaccio all’orgia

Ma a preoccupare in particolare il cuoco sono dei brutti ceffi che vanno avanti e indietro per i corridoi dell’hotel.

“Ho paura che succeda qualcosa, accoltellamenti, spari. Qui sono tutti drogati” si lamenta Bruno Barbieri.

Nonostante questo, lo chef decide comunque di passare una notte nell’albergo. Ad un certo punto però dalla stanza accanto sente provenire rumori davvero poco rassicuranti. Barbieri è quindi costretto a chiamare un addetto alla reception per avvertirlo: “Stanno trombando una credo in sette o otto”.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche