Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Ha la decima di seno, “Voglio operarmi per ridurlo”
Lifestyle

Ha la decima di seno, “Voglio operarmi per ridurlo”

agata decima di seno

Agata ha spiegato il suo problema nel salotto di Barbara D'Urso. Il professor Lorenzetti ha riposto all'appello: "La opererò".

Le forme sono sempre state un problema per lei. Agata ha 25 anni e ha sempre avuto un seno molto abbondante, una sesta. Dopo la gravidanza, però, il suo seno si è ingrandito ulteriormente e ha raggiunto una decima. La situazione è diventata per lei insostenibile: “Ho sempre mal di schiena, sono sempre curva. Tendo ad ingobbirmi e ho problemi di postura” ha spiegato la giovane, ospite di Pomeriggio 5. Nel salotto di Barbara D’urso, Agata ha inoltre spiegato di non essere in grado di affrontare le spese per l’intervento in quanto non ha la disponibilità economica.

La risposta del professore Lorenzetti

A raccogliere il suo appello è stato quindi il professor Pietro Lorenzetti, arrivato nello studio della trasmissione per aiutare la 25enne: “Siamo di fronte a una gigantomastia, una patologia che causa l’ingrandimento delle mammelle. Ovviamente la opererò perché non è solo una questione estetica, ma è soprattutto un problema per la salute di Agata”.

Cos’è la gigantomastia

La patologia di cui soffre Agata è detta gigantomastia e corrisponde a una crescita estrema delle mammelle sino ad un grado che richiede un trattamento chirurgico di riduzione.

E’ causata dall’eccessiva sensibilità agli ormoni estrogeni e al progesterone e nei casi più gravi è possibile che il soggetto abbia seni che pesano ben oltre 9 chili l’uno. La gigantomastia può presentarsi anche come una complicazione della gravidanza. Generalmente, chi ne è affetto lamenta dolori alla testa e al collo e problemi alla colonna vertebrale. Talvolta si hanno anche alterazioni alla sensibilità delle dita, nonché gravi irritazioni cutanee sottoseno.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche