EPCC: Antonella Clerici, il cruciverba e "la borra" | Notizie.it
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Le gaffe di Antonella Clerici nel cruciverba di Alessandro Cattelan
Lifestyle

Le gaffe di Antonella Clerici nel cruciverba di Alessandro Cattelan

Antonella Clerici

Antonella Clerici deve ancora fare i conti con le sue storiche gaffe. Stavolta ad infierice ci pensa Alessandro Cattelan con il suo cruciverbone.

Dopo averla ricorsa a lungo come lui stesso ammette, perché troppo impegnata per i tanti programmi tv, Alessandro Cattelan riesce finalmente a portare nella sua trasmissione in onda su Sky Uno Antonella Clerici. Approfittando di questa pausa televisiva, la conduttrice decide quindi di sottoporsi alle domande irriverenti tipiche di EPCC.

“Non può vivere senza..”

Dopo la classica intervista, l’ex presentatrice de La Prova del cuoco accetta di giocare al cruciverbone. Come sempre la maggioranza delle parole sono state già trovate, ma Cattelan scherza con Antonella Clerici per farle indovinare due in particolare, che rievocano vecchie e storiche gaffe della conduttrice.

Al 23 orizzontale la domanda è “L’Antonella della tv non può vivere senza..”. Il riferimento è al lapsus freudiano avuto nel corso di una trasmissione sportiva, quando la presentatrice tentava di spiegare la sua passione per il calcio. Antonella Clerici sta al gioco, conta il numero delle lettere e annuncia trionfante: “La so”.

“La Birra”

Subito dopo, Alessandro Cattelan le chiede di completare un’altra riga.

Fa schiuma ma non è sapone”, domanda il presentatore tra le risate, ricordando quanto successo nel corso di un quiz a La Prova del cuoco. La concorrente rispose infatti “La Borra” e la faccia di Antonella Clerici rimase così negli annali della tv.

A EPCC, la conduttrice spiega quindi che la parola corretta era ovviamente “la Birra”, e racconta l’aneddoto che ha causato all’epoca tanto imbarazzo (e ilarità) in studio. “Dietro la nonnina un po’ imbranata che doveva rispondere c’era il nipote, che ha però giocato sull’equivoco”. Il mistero, quindi, è finalmente risolto.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche