×

La storia del popolo dei Mari: ultimi pagani in Europa

I Mari sono animisti: per loro anche gli oggetti inanimati hanno uno spirito. Per anni hanno lottato per vedere riconosciuta la loro fede.

popolo mari

I Mari sono un popolo ugro-finnico che conta circa 600.000 persone. Vivono principalmente nella Repubblica dei Mari, una delle molte repubbliche etniche semi-autonome della Federazione Russa. Di essi, solo il 15 per cento vuole seguire le vecchie convinzioni religiose e meno della metà è in realtà un Mari: la maggior parte sono russi etnici.

Questo significa che nella Repubblica dei Mari, il numero di praticanti pagani è di 45.900.

E’ bene spiegare cosa si intende per “pagano” in opposizione a “neopagano”. Il primo ha significati diversi e può essere controverso, o addirittura offensivo. Originariamente usato dai cristiani romani per descrivere i politeisti, è cresciuto nell’Europa medievale per descrivere chiunque non sia un cristiano, inclusi ebrei e musulmani. A causa di questa eredità, i Mari rifiutano la parola “pagano”.

In questo contesto, essere pagano significa seguire pratiche religiose pre-cristiane, mentre neopagano significa seguire un moderno sistema di credenze che adotta le caratteristiche delle religioni precristiane. Nonostante i cambiamenti nella fede Mari nel tempo, esiste una chiara linea ininterrotta tra credenti nel passato e nel presente. Ma la Mari Native Religion (come è ufficialmente registrata) è cambiata enormemente.

I Mari sono animisti

I Mari vivono intorno a un’ansa del fiume Volga (il fiume più lungo d’Europa) e la maggior parte di loro fu convertito al cristianesimo nel sedicesimo secolo, dopo la conquista delle loro terre da parte dello zar Ivan il Terribile.

Tuttavia la vecchia fede sopravvisse. Un diplomatico tedesco del XVI secolo che viaggiava lungo il Volga, Adam Olearius, annotò: “Tutti quelli che vivono intorno a Kazan sono pagani, perché non sono né circoncisi né battezzati”.

I Mari sono animisti: anche gli oggetti inanimati per loro hanno uno spirito, come gli umani e gli animali. Per i Mari il mondo, inizialmente, era occupato da una miriade di spiriti potenti che abitavano tra le rocce, i fiumi, gli alberi e il vento, sebbene ci sia un “grande Dio”.

Le entità più importanti erano gli spiriti locali dei morti violenti chiamati Keremets. Mezzi fantasmi e mezzi umani, i Keremets offrivano protezione o maledizioni. Ogni villaggio aveva un boschetto sacro (simile al Godswood in Game of Thrones) dove venivano fatti sacrifici animali in offerta al Keremet in cambio di qualche servizio.

Hanno lottato per essere riconosciuti

Negli anni 1860 e 1870, la tradizionale fede di Mari subì un periodo di monotizzazione, con i Keremets e altre divinità minori emarginate in favore dell’adorazione di Kugo Jumo come divinità suprema. Questa riforma religiosa offriva certezza morale in un mondo in rapido mutamento. Inoltre, la trasformazione del paganesimo in monoteismo era la migliore possibilità per ottenere un riconoscimento ufficiale della loro fede.

Nel 1890, i Mari fecero una presentazione sulle loro convinzioni all’Esposizione scientifica e industriale di Kazan e scrissero lettere allo Zar rassicurandolo che non c’era nulla di poco credibile nella loro fede. Questo era l’unico modo in cui la loro religione avrebbe potuto avere una possibilità di sopravvivenza. Fu però contrastata dalla Chiesa ortodossa russa e da molti veri credenti all’interno della comunità dei Mari che videro il nuovo credo come un tradimento ai loro antenati.

I riformatori Mari avevano paura e per buoni motivi. Nel diciannovesimo secolo, il conflitto tra i cristiani russi e i loro vicini non russi aveva portato ad accuse ed esecuzioni per stregoneria. Ciò nonostante, il movimento Kugo Jumo persistette e non solo permise al paganesimo dei Mari di resistere allo sconfinamento dello stato e della chiesa russi, ma aiutò a far crescere la fede tra di essi.

La soppressione con Stalin

Al tempo della rivoluzione russa, erano rappresentati da un’organizzazione politica chiamata Marii Ushem (Mari Union). Nonostante la creazione di una Repubblica socialista sovietica autonoma dei Mari all’interno dell’Unione Sovietica, la venuta dei comunisti, sotto il dominio di Joseph Stalin, soppresse la cultura dei Mari.

Con la caduta dell’Unione Sovietica nel 1991, il paganesimo Mari ebbe nuova diffusione. E anche se aveva molti meno seguaci rispetto alle altre religioni presenti in Russia, la religione fu riconosciuta come una delle tre religioni ufficiali della Federazione Russa accanto al cristianesimo e all’Islam. 300 boschetti sacri ricevettero lo status di protezione.

I sacerdoti pagani, chiamati Kart, divennero estremamente attivi in ​​politica e nella protezione dell’ambiente. La moderna fede dei Mari non è la stessa di 400 anni fa. Il suo sacerdozio è strettamente gerarchico e risponde a un Alto Kart. I Keremets e altri Dei sono scomparsi e persino le famiglie pagane hanno immagini di santi ortodossi sulle loro mura. Ma i boschetti sacri rimangono e i fuochi sono ancora accesi. La fede Mari è ancora viva.

Contents.media
Ultima ora