Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Eliana Michelazzo e Pamela Perricciolo “sono lesbiche e complici”
Lifestyle

Eliana Michelazzo e Pamela Perricciolo “sono lesbiche e complici”

Eliana Michelazzo Pamela Perricciolo

Eliana Michelazzo afferma di essere la prima vittima del sistema che ha coinvolto Pamela Prati e altri vip. Ma il giallo si infittisce ancora.

Il Pamela Prati gate si arricchisce di un nuovo capitolo. Eliana Michelazzo sostiene da Barbara D’Urso di essere stata la prima vittima di questo sistema che ha coinvolto diversi vip e di aver denunciato Pamela Perricciolo. Dagospia però lancia un’indiscrezione: “Sono lesbiche, insieme hanno gestito i finti profili usati per ricattare star, starlette e politici”.

L’indiscrezione

“Non ce la facciamo più a sentire le boiate di Eliana Michelazzo. Il trio ha ormai perso ogni diritto alla privacy” si legge su Dagospia poco dopo la messa in onda dell’intervista che l’agente di Pamela Prati ha rilasciato per il programma Live – Non è la D’Urso.

“Lei e la Perricciolo sono lesbiche, sono state insieme per anni, vivono insieme e insieme hanno gestito i finti profili usati per ricattare star, starlette e politici” sostiene Roberto D’Agostino. “Simone Coppi – aggiunge anche – nacque per coprire la sua bruciante sconfitta a Uomini e Donne, e l’amore saffico“.

Infine, viene affermato che “Pamela Prati è piena di debiti da bingo e, plagiata o no, si è messa in mano al duo”.

La versione di Eliana Michelazzo

Da Barbara D’Urso invece Eliana Michelazzo sostiene di essere stata lei stessa vittima della collega Pamela Perricciolo, e di averla per questo denunciata: “Da dieci anni è mia sorella. Lei mi ha fatto stare sempre con i sensi di colpa, sempre. Diceva di prendere delle gocce, diceva di stare male. Diceva che aveva bisogno di me”.

Michelazzo confessa infatti che Simone Coppi, il presunto magistrato che avrebbe sposato una decina di anni fa, non è mai esistito.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche