×

Le parole di Morgan sullo sfratto di domani: “Un grande dolore”

In una conversazione Whatsapp resa pubblica, Morgan confida al nuovo proprietario di casa sua il dolore con cui sta affrontando questa triste vicenda.

Mancano ormai poche ore allo sfratto del cantante Morgan dalla sua casa di Monza, che avverrà martedì 25 giugno. L’ex frontman dei Bluvertigo aveva già ottenuto un rinvio di dieci giorni lo scorso 14 giugno, ufficialmente per motivi di salute. Ora però, sembra essere definitiva l’esecuzione del pignoramento della sua abitazione, stabilito dal Tribunale di Monza nel 2017 a causa dei numerosi debiti accumulati dall’artista.

morgan-chat

Le parole di Morgan

Trovandosi con le spalle al muro, Morgan – pseudonimo di Marco Castoldi – ha deciso di scrivere personalmente al nuovo proprietario di casa sua, invitandolo a bere un caffè per chiarire un’ultima volta la situazione. Un tentativo, forse, di prendere ancora un po’ di tempo per trovare una soluzione all’alternativa di non avere un tetto sopra la testa. In uno scambio di messaggi su Whatsapp reso pubblico dal cantautore sul suo sito ufficiale e sui suoi account social si legge infatti: “Per me tutto ciò rappresenta un grande dolore che si aggiunge ad una vita complessa e tragica che trova un senso nella creatività ma è innegabilmente piena di ferite: Io devo elaborare questa nuova sofferenza come si elabora un lutto, con forza e statura morale”.

Tra le frasi riportare dall’artista ci sono anche commenti personali rivolti a tutti coloro che non gli hanno mai dato appoggio in questa delicata vicenda.

Dai colleghi di lavoro “Che non hanno mai mosso un dito” ai parenti della famiglia del padre “Che hanno la casa di mia nonna disabitata ma a me non la danno”. L’artista non ha nemmeno fatto riferimento ai 200mila euro che aveva detto di voler raccogliere per fare una contro offerta al nuovo proprietario. Segno che l’eventuale colletta non è andata a buon fine.

Il dialogo con la madre

Sempre tra i messaggi Whatsapp condivisi sui social appare inoltre una conversazione tra Morgan e la madre, che cerca di consolarlo malgrado la difficile situazione dello sfratto in corso: “So che la cosa per te ha tanti ricordi ma uno giovane come te ha anche bisogno di cose nuove. Confido in una tua maturità. Sorridi il lavoro ti va bene, hai tanta gente che ti vuole bene, sei un musicista”.


Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.


Contatti:

Contatti:
Jacopo Bongini

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.

Leggi anche