Marco Mengoni sarà Simba nel nuovo “Re Leone”
Lifestyle

Marco Mengoni sarà Simba nel nuovo “Re Leone”

marco mengoni

Cast stellare nella nuova versione italiana: da Ward a Gammino, c'è grande attesa per i fan della pellicola!

Sarà di Marco Mengoni la nuova voce di Simba nel live-action de Il Re Leone, versione italiana. Ad annunciarlo il cantante stesso tramite un video postato su Instagram che lo vede cantare uno dei brani del film. Tanti grandi nomi ad affiancare Mengoni nel remake Disney: l’uscita nelle sale è prevista per il 21 agosto 2019.

Il nuovo Re Leone

Marco Mengoni sarà Simba nella versione italiana del live-action de Il Re Leone. Ad annunciarlo il cantante stesso tramite un video condiviso sul suo profilo ufficiale Instagram, dove ha fatto capire ai suoi fan che sarà lui a doppiare il celebre protagonista del grande successo del remake Disney. Nel filmato diffuso lo si vede cantare “L’amore è nell’aria stasera”, una canzone originale del film, mentre suona il pianoforte. La pellicola, tra le più attese dell’anno, uscirà nella sale ufficialmente il 21 agosto 2019.

Un cast stellare

Ad affiancare Mengoni un cast stellare. A partire da Luca Ward, che figura come doppiatore del re Mufasa, e quale raccoglie le tracce di Vittorio Gassman.

Presenti inoltre Simone Mori, Simone D’Andrea e Michele Gammino nei ruoli di Pumbaa, Scar e Rafiki in questa nuova versione italiana. Firmato da Jeff Nathanson, la pellicola è stata prodotta da Jon Favreau, Jeffrey Silver e Karen Gilchrist: Favreau – già regista de Il libro della giungla, ha animato e diretto le scene del film che sarà distribuito da Disney Italia.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lavinia Nocelli
Lavinia Nocelli, classe '94, marchigianamente di Senigallia. Arrivata per la prima volta a Milano nel 2013, ho studiato all'Accademia di Belle Arti di Brera. La mia tesi mi ha portato in Albania, dove ho realizzato un docufilm sulle nuove mete d'emigrazione Italiana, documentando la situazione a Tirana, la capitale. Nel mentre un docufilm in veste di aiuto registra con Francesca La Mantia, "La memoria che resta". Poi il fotoreportage nella "jungle" di Calais, Francia, il campo profughi da cui oltre 10000 rifugiati cercavano di passare i confini per arrivare nel Regno Unito. E i due anni a Parigi, all'Ecole Supérieur de Journalisme, dove ho seguito da vicino le manifestazioni dei Gilet Gialli. Fotogiornalista per Waamoz, scrivo tra Roma e Milano, dove collaboro con Notizie.it. Leggo per passione, scrivo per dovere: scambiate le frasi e aggiungete negativi in bianco e nero. E tanti chilometri in mezzo, percorsi e immaginati.