Gianluca Vacchi e il video sessista che scatena la rabbia sui social
Lifestyle

Gianluca Vacchi e il video sessista che scatena la rabbia sui social

Gianluca Vacchi

Numerose le critiche piovute su Gianluca Vacchi dopo un video su Instagram in cui "sculaccia" quattro modelle su uno yacht

Diventato famoso per i suoi balletti postati sui social, Gianluca Vacchi è noto per le sue ostentazioni e la sua vita all’insegna del lusso e del divertimento. La sua parola d’ordine, d’altronde, è sempre stata “enjoy” e non è un caso che sia un personaggio molto attivo su Instagram. Proprio attraverso questa piattaforma, infatti, è riuscito a scatenare una serie di polemiche dopo aver pubblicato un video considerato sessista.

Gianluca Vacchi e il video sessista

Nel video in questione si vede l’imprenditore ed influencer, con oltre 13 milioni di followers su Instagram, su uno yacht in compagnia di quattro modelle in fila, una dietro l’altra, con il lato B ben in mostra. Fin qui nulla che nessuno abbia mai visto prima, salvo poi vedere il noto imprenditore “sculacciare” le quattro modelle mentre balla.

Un video diventato immediatamente virale, tanto da registrare in poco tempo milioni di visualizzazioni e scatenare la rabbia del popolo del web. Molti utenti, infatti, non hanno perso l’occasione per commentare in modo critico il filmato in questione con frasi del tipo: “Si capisce che dietro c’è ben poca stima per il mondo femminile“, “È un momento triste”.

Oppure “Questo è trattare le donne come oggetti”, “Questo è un messaggio sbagliato che stai dando”.

Un filmato di poche decine di secondi, che pure è bastato a scatenare la rabbia degli utenti. In molti, infatti, hanno etichettato questo video come sessista e volgare, chiara dimostrazione di uno spaccato della società che vede la donna oggetto dell’uomo macho. Nonostante le numerose proteste, però, il video non è ancora stato rimosso, continuando in questo modo a scatenare la furia del web.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche