×
Home > Lifestyle > Heather Locklear condannata: finirà in un istituto di salute mentale
20/08/2019 | di Veronica Caliandro

Heather Locklear condannata: finirà in un istituto di salute mentale

Accusata di aggressione ad alcuni poliziotti ed un paramedico, Heather Locklear è stata condannata a 30 giorni in un centro di salute mentale

Heather Locklear

Heather Locklear, star delle serie anni ’80 e ’90, è stata condannata a restare per 30 giorni in un centro di salute mentale per aver aggredito alcuni poliziotti ed un paramedico.

Heather Locklear condannata

Diventata famosa per aver recitato in “Melrose Place” e “Dynasty“, l’attrice Heather Locklear era stata arrestata a giugno 2018 con l’accusa di aver preso a pugni un poliziotto e a calci un paramedico. Ad avvertire gli agenti, all’epoca dei fatti, sembra sia stato proprio un famigliare dell’attrice che aveva deciso di denunciare lo stato di ubriachezza della donna.

Una vicenda che si è conclusa solamente in questi giorni con la fine del processo a carico dell’attrice. Heather Locklear, infatti, è stata condannata a scontare 30 giorni in un centro di salute mentale.

Nel caso in cui si rifiutasse, l’attrice finirebbe per scontare un periodo di detenzione in carcere pari a 120 giorni.

In base a quanto si evince da TMZ, Heather Locklear dovrà entrare nella struttura entro il prossimo 6 settembre. Nel caso in cui non si presentasse, invece, finirebbe in carcere. Ma non solo, l’attrice sarà sottoposta a tre anni di libertà vigilata durante i quali non potrà assumere alcol, avere armi o prendere farmaci non precedentemente prescritti.

I precedenti

Purtroppo la vicenda in questione non è la prima denuncia a carico della donna. Soltanto 4 mesi prima, infatti, era stata denunciata per violenze domestiche ai danni dell’ex compagno Chris Heisser. Uscita dopo avere pagato una cauzione pari a 20 mila dollari, aveva deciso di chiedere supporto ad una struttura specializzata che la potesse aiutare risolvere i suoi problemi con l’alcol.

Nel 2011, la polizia intervenne in un litigio tra l’attrice e l’allora fidanzato Jack Wagner che però non sporse denuncia.

Nel 2008,inoltre, un uomo aveva chiamato il 911 affinché gli agenti si precipitassero a casa dell’attrice, in quanto temeva che si volesse suicidare. Quando i poliziotti giunsero sul posto, però, avevano trovato la donna in buono stato. Dopo essere stata trasportata in ospedale, infatti, era stata dimessa il giorno seguente.

Scrivi un commento

1000

Leggi anche