×

Moana Pozzi viva? Eva Henger conoscerebbe la verità

Il nuovo scoop del "Settimanale Nuovo" racconta la versione di Eva Henger sulla scomparsa di Moana Pozzi: la diva del porno sarebbe ancora viva

moana pozzi eva henger
moana pozzi eva henger

“Moana Pozzi è ancora viva? A 25 anni dalla scomparsa della diva del porno, ufficialmente morta per un cancro al fegato, si riaccendono i dubbi”. Inizia così il post del giornalista Riccardo Signoretti che anticipa l’esclusiva pubblicata sul “Settimanale Nuovo”. “Volete sapere se Moana è viva? Eva Henger può conoscere la verità”: questa è la teoria sostenuta dall’articolo, che sicuramente farà parecchio discutere, come già successo in passato.

moana pozzi eva henger

Moana Pozzi: la verità della Henger

La notizia della morte della diva del porno Moana Pozzi era stata data il 15 settembre 1994, dunque ormai 25 anni fa. Tuttavia l’amica e collega Eva Henger si dice sicura che la donna sia ancora viva e non perde occasione per raccontarlo in tv o sui giornali appena se ne presenta occasione. Lo aveva del resto già detto a “Mistero” e ripetuto di fronte le telecamere di “Domenica Live” da Barbara D’Urso.

“È un segreto che ho sempre tenuto per me. Solo oggi che Riccardo (Schicchi) non c’è più, voglio togliermi questo peso”. Eva Henger sostiene dunque di avere la certezza che quella rivelata non è la vera data del decesso di Moana Pozzi. La pornodiva ha infatti raccontato che solo due giorni prima Moana aveva chiamato lei e il marito Riccardo dicendo di stare meglio e di essere ingrassata cinque chili.

In quell’occasione, il produttore aveva “solo buttato l’occhio sullo schermo per controllare come stavano dando la notizia, poi ha continuato a leggere il giornale, mentre io piangevo perché mi dispiaceva”.

La morte di Moana Pozzi resta in ogni caso ancora oggi avvolta nel mistero. Secondo Eva Henger, tuttavia, la regina del porno sarebbe ancora viva. Moana, secondo lei, non sarebbe morta il 15 settembre 1994.



Contatti:

Scrivi un commento

300

Contatti:
Caricamento...

Leggi anche