×

Battuta sessista su Luxuria, Cristina D’Avena si dissocia: le parole

Condividi su Facebook

Cristina D'Avena si è susata pubblicamente per un'affermazione infelice su Vladimir Luxuria fatta durante un suo concerto.

Luxuria Cristina D'Avena

Dopo la battuta sessista su Vladimir Luxuria pronunciata da un componente dei Gem Boy durante il concerto di Cristina D’Avena, la cantante si è scusata e ha preso le distanze da quanto accaduto.

L’episodio

Luxuria è invidiosa di Lady Oscar perché ha la spada più lunga della sua”, aveva detto Carlo della band. A raccontare l’episodio è stata la mamma di Olimpia, seconda minore in Italia ad aver fatto la transizione di genere a 17 anni, che si è sentita presa in causa personalmente.

Dopo quell’affermazione, come conferma la stessa D’Avena, lo spettacolo è stato interrotto e lei dal palco si è dissociata da quanto detto. Chi l’ha pronunciata si è giustificato dicendo che gli era stata avallata da un suo collaboratore gay, per poi esplicitare il suo amore per il mondo Lgbt.

Ha inoltre chiesto scusa a Cristina per non averla messa al corrente del copione.

Immediata la reazione di Vladimir Luxuria che ha trovato sia fuori luogo che fuori tempo la dichiarazione. “Fuori luogo perché davanti ad una platea di bambini e famiglie che erano lì per ascoltare un concerto e non frasi del genere e fuori tempo perché non è più tempo di usare la sessualità altrui come insulto“, ha spiegato. Si è poi augurata che la cantante facesse sentire la sua voce.

Cristina D’Avena si scusa con Luxuria

Cristina non ha fato attendere le sue scuse, arrivate già dal palco dopo la battuta infelice che ha lasciato interdetta anche lei stessa. Dopo aver saputo della presenza di Olimpia, la stessa ha interrotto lo show e si è scusata pubblicamente per quello che ha definito uno scivolone.

Ha poi sottolineato le sue posizioni sui gay e sulla comunità Lgbt in generale, ricordando di averla sempre difesa.

A dimostrarlo c’è la sua partecipazione alle manifestazioni, per esempio a quella di Padova dove ha cantato anche la sigla. “Sono molto amata da loro perché le mie canzoni sono colorate e piene di personaggi che giocano con i travestimenti“, ha continuato.

Ha poi concluso dicendo di conoscere ragazzi che hanno fatto percorsi come quello di Olimpia, con la quale ha avuto modo di parlare alla fine del concerto. Ha infine lanciato un monito a Carlo: “Non fare mai più una battuta del genere perché la prossima volta ti butto giù dal palco“.

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Debora Faravelli

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it

Leggi anche