×

Sanremo 2020, Tiki Bom Bom di Levante: testo e significato

Condividi su Facebook

Levante presenta al Festival di Sanremo 2020 la canzone "Tiki Bom Bom": il testo e il significato del brano.

levante
levante

Tra i 24 big in gara al Festival di Sanremo 2020 c’è anche Levante: la cantautrice si presenta alla kermesse con il brano dal titolo Tiki Bom Bom. Prima di raggiungere il palco del Teatro Ariston, però, Levante aveva partecipato in veste di giudice all’11esima edizione di X Factor. Nella sua carriera, inoltre, ha inciso diversi brani che hanno raggiunto un enorme successo: Alfonso, Pezzo di me, Bravi tutti, Non me ne frega niente e Lo stretto necessario (quest’ultimo con Carmen Consoli).

Levante, Tiki Bom Bom

Un titolo alquanto singolare quello scelto da Levante: Tiki Bom Bom è la canzone che porta in gara al Festival di Sanremo 2020. Non è solo una cantautrice, ma anche una scrittrice: ha scritto, infatti, 2 romanzi. Il primo, Se non ti vedo non esisti, edito da Rizzoli e uscito nel gennaio 2017 e Questa è l’ultima volta che ti dimentico, arrivato in libreria da novembre 2018.

Le sue prime parole dopo l’ok alla partecipazione al Festival esprimono grande gioia: “È finita una decade importante – ha detto -.

Chiudo gli occhi e mi rivedo nei dieci anni più assurdi della mia vita (non che quelli precedenti lo siano stati meno), potenti, pieni di soddisfazioni vere, di grandi risultati, resistenza, forza e fiato lunghissimo. L’anno che se n’è andato m’era parso che all’inizio mi prendesse a ceffoni, poi ho capito che erano spinte per volare. E ho volato. Il mio pensiero per questo inizio va a tutte le persone che si sentono sole: non lo siete, guardatevi davvero intorno e accogliete l’amore. Inizio questa nuova decade con grandi novità. Questa è una strada piena di luce, ed è la mia. Ogni bene”.

Levante, Tiki Bom Bom: il testo

di Levante
Ed. Metatron Publishing – Torino

Ciao tu, animale stanco
Sei rimasto da solo
Non segui il branco
Balli il tango mentre tutto il mondo
Muove il fianco sopra un tempo che fa
Tikibombombom
Hey tu, anima indifesa
Conti tutte le volte in cui ti sei arresa
Stesa al filo teso delle altre opinioni
Ti agiti nel vento
Di chi non ha emozioni
Mai più, è meglio soli che accompagnati
Da anime senza sogni pronte a portarti con sé, giù con sé.
Laggiù, tra cani e porci,
Figli di un Dio minore pronti a colpirci
Per portarci giù con sé, giù con sé.
Noi, siamo luci di un’altra città
Siamo il vento e non la bandiera, siamo noi.
Noi, siamo gli ultimi della fila
Siamo terre mai viste prima, solo noi
Ciao tu, freak della classe
“Femminuccia” vestito con quegli strass
Prova a fare il maschio
Ti prego insisto
Fatti il segno della croce e poi
Rinuncia a Mefisto
Hey tu, anima in rivolta
Questa vita di te non si è mai accorta
Colta di sorpresa, troppo colta
Troppo assorta, quella gonna è corta
Mai più, è meglio soli che accompagnati
Da anime senza sogni pronte a portarti con sé, giù con sé.
Noi, siamo luci di un’altra città
Siamo il vento e non la bandiera, siamo noi.
Noi, siamo gli ultimi della fila
Siamo terre mai viste prima, solo noi
Noi siamo angeli rotti a metà
Siamo chiese aperte a tarda sera, siamo noi.
Noi, siamo luci di un’altra città
Siamo il vento e non la bandiera, siamo noi.
Noi, siamo gli ultimi della fila
Siamo terre mai viste prima, solo noi
Noi siamo l’ancora e non la vela
Siamo l’amen di una preghiera, siamo noi.
Ciao tu, animale stanco
Sei rimasto da solo
Non segui il branco
Balli il tango mentre tutto il mondo
Muove il fianco sopra un tempo che fa
Tikibombombom

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Laura Pellegrini

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.

Leggi anche