×

Achille Lauro: “Se avessi perso tempo con la droga non sarei qui”

Condividi su Facebook

Achille Lauro ha raccontato qualcosa di sé soffermandosi sul rapporto con la famiglia, ma anche religione e politica

Achille Lauro

Tra i protagonisti della settantesima edizione del Festival di Sanremo, Achille Lauro ha ammaliato il pubblico con delle performance fuori dal comune che hanno attirato senz’ombra di dubbio l’attenzione dei spettatori e dei media. Intervistato dal Corriere della Sera, il noto cantante ha quindi raccontato qualcosa di sé, soffermandosi sul rapporto con la famiglia, ma anche religione e politica.

Le dichiarazioni di Achille Lauro

Nato a Verona, ma cresciuto a Roma, Achille Lauro ha parlato della sua infanzia vissuta in periferia, affermando: “Ho visto per tutta la vita i miei farsi il culo e non riuscire, mio padre spaccarsi la schiena senza avere quello che gli spettava, mia madre fare lavoretti saltuari umilianti. Da questo è nata la mia ambizione”. A un certo punto ci è stata “una crisi” e lui e il fratello maggiore andarono quindi “a vivere in una comune”, tra gente che dipingeva, suonava ed incideva.

“Sono stato in tutte le scuole. Almeno dieci. Mi cacciavano, me ne andavo, non ci andavo”.

Ormai diventato una vera e propria star, Achille Lauro ha dichiarato che con i primi soldi guadagnati ha riscattato i gioielli di sua nonna Flavia, che li aveva consegnati al Monte dei Pegni. Per quanto riguarda le voci in base alle quali da ragazzo rubava e spacciava, Achille Lauro rimanda le accuse al mittente dichiarando: “Sono cresciuto in un ambiente difficile, in mezzo a persone problematiche.

Ma Sanremo è il frutto di quindici anni di impegno. Se avessi buttato il tempo in queste sciocchezze non sarei qui”.

Orientamento sessuale e fede religiosa

Tra i principali protagonisti della settantesima edizione del Festival di Sanremo, Achille Lauro ha stupito con i suoi outfit ricercati e fuori dal comune esibiti nel corso di ogni serata.

Alla domanda sul suo orientamento sessuale, inoltre, risponde: “Lo lascio al caso”. Mentre per quanto riguarda la politica, afferma di seguirla “poco”, però crede in Dio: “Non mi appoggio alla religione standard, ma credo in qualcosa di superiore. Come potrei, proprio io, non credere? Dopo essere passato da situazioni assurde? Sarebbe un’offesa a tutto quello che ho”. Per finire un messaggio ai giovani: “Canto per dire ai ragazzi di non sprecare il loro tempo: prima capisci quello che vuoi fare, prima arrivi al successo.

E il successo non è la fama; è la riuscita del proprio percorso”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.