×

Barbara Martin, morta la stella della Motown

È venuta a mancare Barbara Martin, stella delle Supremes nonché icona della celebre etichetta discografica americana della Motown

barbara martin morta
barbara martin morta

È morta Barbara Martin, una delle stelle del celebre quartetto delle Supremes. All’anagrafe Barbara Diane Martin Richardson, la 76enne era una cantante facente capo al gruppo della Motown, l’etichetta discografica di Detroit che lanciò i più grandi nomi della musica americana.

La storia di Barbara Martin è del resto particolarmente curiosa: l’artista aveva infatti contribuito al successo planetario del gruppo di Diana Ross senza tuttavia esserne mai accreditata.

supremes

Barbara Martin fu membro del gruppo dal 1960 al 1962, quando sostituì la fondatrice Betty McGlown.

Si era dunque unita al gruppo che ancora si chiamava “The Primettes”. La band ha visto poi aggiungersi la protagonista Diana Ross e Florence Ballard. Durante il periodo in cui cantò con le Supremes, il quartetto firmò con la Motown diversi album di grande successo.

Barbara Martin con le Supremes

Il loro primo album, “Meet The Supremes” del 1962, vedeva tra l’altro Barbara Martin cantare nella maggior parte dei brani.

La donna, tuttavia, ma venne mai ritratta sulla copertina del disco perché incinta. Barbara cantò interamente “After All” nel 1961, mentre le sue tre compagne eseguivano le seconde voci. Il brano, ad ogni modo, non è mai uscita come singolo, a favore del successo radiofonico “Buttered Popcorn”. La donna lasciò infine il gruppo nella primavera del 1961, dopo aver registrato il loro primo album. Il suo nome finì così lentamente nell’oblio.

Del resto, anche la stessa artista non gradì mai ricordare il suo periodo con le Supremes. Solo nel 2009, in occasione dell’uscita di “Meet The Supremes: Extended Edition”, rilasciò un’intervista dove parlò per la prima volta di quel periodo, raccontando interamente la sua storia.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora