×

Emis Killa e la canzone sul Coronavirus: il testo

Emis Killa ha esortato i fan a rispettare le normative sull'emergenza Coronavirus, e alla questione ha dedicato anche un pezzo in freestyle.

EmisKillacoronavirus
EmisKillacoronavirus

Come molti altri artisti anche Emis Killa ha deciso di dire la sua sull’emergenza Coronavirus, dando informazioni ai suoi fan e chiedendo loro di rispettare le normative e di restare a casa (salvo casi di estrema necessità). Il rapper ha scritto una canzone contro coloro che, finora, avrebbero preso sotto gamba l’emergenza sanitaria.

Coronavirus: il dissing di Emis Killa

Emis Killa ha intimato ai fan di restare a casa e di prendere seriamente la situazione ora che l’emergenza Coronavirus ha costretto il governo a prendere misure straordinarie per evitare l’aumento dei contagi in Italia. In particolare il rapper se l’è presa anche contro tutti coloro che non starebbero rispettando il protocollo, e contro gli influencer e i personaggi famosi che dovrebbero essere i primi a dare il buon esempio visto il loro grosso seguito sui social.

Alla questione Emis Killa ha anche dedicato un suo dissing, condiviso con i fan sui social.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Emis Killa ?? ? (@emis_killa) in data: 12 Mar 2020 alle ore 12:07 PDT

L’Italia fra è in quarantena, ma per fortuna anche tutta la scena /

Non vedo più gente scema, sai fra che forse ne è valsa la pena/

Fra mi si chiude la vena, pensavo che fosse chiaro il problema /

Ma l’ignoranza non frena, l’unica chance è una civiltà aliena/

Il messaggio è chiaro e tondo /

Resta a casa salva il mondo/

Questo scemo dice “no no”/

Fino a che gli muore il nonno/

Asma da ansia, la città è fantasma, mi sembra consonno/

Chiuso a casa da due settimane, stomaco a Puttane, mangio riso e tonno/

Non ho più sonno, l’angoscia mi preda, tutto è surreale /

Ciò mi fa scrivere bene, ma mi fa vivere male/

Meglio i cani, non ho più fiducia negli esseri umani /

Se dici il mio nome sciacquati la bocca, ma prima di farlo lavati le mani/

Quest’anno ne ho viste, tra virus, incendi e nazioni agguerrite /

Nessuno capisce che è un segno, a sto punto fraté spero nel meteorite

C’è gente che in guerra si spara, tutt’ora lo fanno alla striscia di gaza/

A voi italiani non chiedono un cazzo, soltanto di guardare striscia da casa/


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora