×

Coronavirus, Pippo Baudo in quarantena: “Mi devo preservare”

Condividi su Facebook

Pippo Baudo ha confessato che non uscirebbe di casa da circa un mese per via dell'emergenza Coronavirus.

PippoBaudoquarantena
PippoBaudoquarantena

Pippo Baudo ha confessato di essere barricato in casa da un mese a causa dell’emergenza Coronavirus. Il celebre conduttore non uscirebbe di casa per nessun motivo e ha detto la sua anche sull’attuale programmazione tv.

Coronavirus: Pippo Baudo in quarantena

Come la stragrande maggioranza degli italiani Pippo Baudo sta rispettando il periodo di quarantena imposto per l’emergenza Coronavirus. Il conduttore, che ha 83 anni, ha dichiarato che non uscirebbe ormai da un mese, neanche per una breve passeggiata sotto casa. Trascorrerebbe il tempo a leggere o a guardare qualche programma tv, ma ha dichiarato che a suo avviso ci sarebbe ben poco da vedere e del resto in molti hanno criticato il fatto che molta della programmazione tv attualmente si concentri solo sull’emergenza senza fornire contenuti di svago o alternativi.

Pippo Baudo ha dichiarato quale sarebbe stato il suo consiglio in tal senso: “Perché non rimandate in onda le vecchie edizioni di Fantastico, Canzonissima, ma non quelle dove c’ero solo io, anche quelle con Corrado, la Parisi, la Cuccarini, la Martinez… Non dimentichiamo che a quei tempi avevamo ospiti internazionali di grandissima portata”, ha dichiarato il celebre conduttore. Altro aspetto che avrebbe trovato profondamente “straniante” è il fatto che i programmi vadano in onda – per ragioni di sicurezza – senza il pubblico, o con gli ospiti in collegamento video e non presenti fisicamente in studio.

A causa dell’emergenza Coronavirus molti programmi sono stati sospesi o rimandati a data da destinarsi, e sia le reti Mediaset che Rai hanno provato ad adattare la loro programmazione all’emergenza in corso con rubriche e approfondimenti dedicati.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.