×

Minacce di morte a Michelle Hunziker: Tomaso Trussardi interviene

Condividi su Facebook

A causa del servizio su Giovanna Botteri Michelle Hunziker avrebbe ricevuto minacce di morte: il marito Tomaso Trussardi è intervenuto in sua difesa.

HunzikerTrussardi
HunzikerTrussardi

Dopo la bufera che si è scatenata per il Caso Botteri e che ha investito in pieno Michelle Hunziker, anche suo marito Tomaso Trussardi ha deciso di dire la sua sulla questione e ovviamente ha preso le difese della showgirl.

Michelle Hunziker: interviene Tomaso Trussardi

Michelle Hunziker è stata investita da una vera e propria bufera dopo il servizio di Striscia la Notizia accusato di body shaming contro Giovanna Botteri. A detta di suo marito Tomaso Trussardi alla showgirl sarebbero state rivolte persino minacce di morte e per questo, in un suo post via social, l’imprenditore avrebbe denunciato l’episodio chiedendo agli utenti una riflessione: “Nella falsa convinzione di difendere una donna ne state brutalmente ferendo e bullizzando altre non colpevoli”, ha scritto.

TomasoTrussardi

Intanto Michelle Hunziker ha replicato via social, spiegando che a suo avviso il servizio di Striscia sarebbe stato “a favore” della giornalista e non il contrario come in molti hanno sostenuto in queste ore.

La showgirl ha lanciato un appello via social proprio a Giovanna Botteri, chiedendole di guardare il servizio incriminato e di farle sapere la sua. Per il momento nessuna risposta da parte della giornalista che però, a proposito del caso, ha invitato tutti a ragionare sul fatto che in Italia si badi troppo spesso “al contenitore” e non “al suo contenuto”, e che quindi molte donne che lavorano nel mondo della comunicazione siano troppo spesso aggredite per il loro aspetto piuttosto che lodate per la loro professionalità o per le loro capacità.

In tanti si sono espressi negativamente sul servizio di Striscia la Notizia e anche Gerry Scotti ha voluto dire la sua in merito alla questione.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche

Contents.media