×

Coronavirus, Patrizia De Blanck: “Ho cacciato mia figlia di casa”

Patrizia De Blanck ha ammesso che - a causa di tensioni dovute dall'emergenza Coronavirus - avrebbe cacciato sua figlia Giada di casa.

PatriziaDeBlanckfiglia
PatriziaDeBlanckfiglia

Patrizia De Blanck ha rivelato che l’emergenza Coronavirus avrebbe creato delle tensioni fra lei e sua figlia Giada De Blanck, e per questo avrebbe deciso di cacciarla dalla lussuosa villa in cui vivevano assieme.

Patrizia De Blanck: la figlia Giada

A quanto rivelato da Patrizia De Blanck ultimamente i rapporti con sua figlia Giada non sarebbero dei migliori: in uno scatto d’ira la contessa avrebbe mandato via la giovane di casa. Giada De Blanck ha ammesso di essere terrorizzata dall’emergenza Coronavirus e per questo avrebbe adottato tutte le precauzioni possibili per evitare un eventuale contagio. Sua madre però non avrebbe vissuto bene “le ansie” trasmesse a lei da sua figlia: “Giada ha il Coronavirus nella testa”, ha affermato: “mi insegue dappertutto per disinfettare ogni angolo della casa e piange alla prospettiva che possiamo ammalarci.

Controlla le mie scelte e mi assale con i suoi rimproveri. Forse esagero ma in quarantena è facile perdere il controllo”, ha dichiarato.

La tensione tra le due donne per la questione sarebbe sfociata in un acceso diverbio, e alla fine Patrizia De Blanck avrebbe “cacciato” sua figlia fuori di casa. Madre e figlia hanno sempre avuto un buon rapporto tant’è che proprio Patrizia De Blanck aveva preso le sue difese quando Giada era stata vittima di body shaming da parte degli haters, che l’avevano insultata per essere ingrassata.

“Mi piaccio così come sono”, aveva ammesso la contessina in replica alle critiche.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora