×

Morta Olivia de Havilland, la star di Via Col Vento aveva 104 anni

Morta Olivia de Havilland, la "Melania" di Via Col Vento, nella sua casa di Parigi. L'attrice aveva vinto anche due Oscar.

Olivia De Havilland è morta
Olivia De Havilland è morta, era la "Melania" di Via Col Vento.

Morta Olivia de Havilland, l’attrice di Via Col Vento aveva 104 anni quando si è spenta nella sua casa di Parigi. Nel famosissimo kolossal hollywoodiano, aveva interpretato Melania, la remissiva e pudica moglie di Ashley, insidiato dalla cugina Rossella O’Hara.

Morta Olivia de Havilland, 104enne

Olivia de Havilland era l’ultima sopravvissuta dei 4 protagonisti di Via col Vento, oltre che la più anziana vincitrice di un Oscar ancora in vita. Era regina dei film in costume, con due statuine d’oro nel suo palmares come attrice hollywoodiana di grande successo. Nata a Tokyo ma cresciuta in California e figlia d’arte di Lilian Augusta Ruse, era sorella di Joan Fontaine, anche lei nel mondo dello spettacolo.

Suo padre, Walter Augustus de Havilland, era un noto avvocato specializzato in brevetti.

Tra Olivia e la sorella non scorreva buon sangue, le due avevano infatti litigato dopo la vittoria del primo Oscar, per rivalità: Joan era infatti candidata con il film “Il sospetto” di Alfred Hitchcock. Dopo la morte della madre, nel 1975, le due ruppero definitivamente per malintesi sulla sua malattia.

Nel 2013, la sorella di Olivia de Havilland passò a miglior vita, all’età di 93 anni e lei si disse profondamente addolorata per la perdita.

La carriera di Olivia de Havilland

Olivia de Havilland debuttò nel cinema con “Sogno di una notte di mezza estate”, di Max Reinhardt, nel 1935, per poi continuare con altri 8 film assieme a Errol Flynn, tra i quali “Captain Blood” e “La leggenda di Robin Hood”.

Nel 1947 vinse un Oscar come attrice protagonista per “A ciascuno il suo destino” e nel 1950 come non protagonista per “L’ereditiera”. “Fare la cattiva è così noioso”, raccontò durante un’intervista, “Ho sempre avuto più fortuna con ruoli di brave ragazze, perché richiedono molto di più da un’attrice”.

Alla veneranda età di 101 anni, fu nominata Dama dell’Impero Britannico e intentò una causa contro un’emittente televisiva, perché l’attrice Catherine Zeta-Jones aveva l’aveva impersonificata in maniera fuorviante. Non fu la prima occasione in tribunale per Olivia, negli anni 40 vinse una causa contro la Warner Bros: “Mi hanno detto che non avrei lavorato mai più, sia in caso di vittoria che di sconfitta”, raccontò ai giornalisti, “Ma quando vinsi, erano molto impressionati, e non hanno serbato rancore”.

Contents.media
Ultima ora