×

Mia Khalifa: “Il mio cuore è in frantumi, donate per il Libano”

Condividi su Facebook

Mia Khalifa a pezzi su Tiktok per la tragedia di Beirut: “Il mio cuore è in frantumi... donate”.

Nella giornata del 4 agosto 2020, una tragica esplosione ha colpito una delle città più importanti del Libano, Beirut. Si tratta di un disastro che ha lasciato tutti senza parole. Immediate sono state le manifestazioni di solidarietà da parte di influencer e personaggi famosi, per sensibilizzare il pubblico del web su questa complicata e terribile situazione.

Tra le più attive c’è Mia Khalifa. Lei è una delle attrici di film per adulti più famose in Libano. La tragedia l’ha toccata in prima persona, essendo lei originaria proprio di Beirut. Sul suo account di Tiktok, l’ex diva del cinema a luci rosse, commossa, ha condiviso un appello personale. Ha incitato tutti i suoi seguaci a donare sangue e i beni di prima necessità in grande abbondanza, viste le difficoltà nei collegamenti.

Visualizza questo post su Instagram

It’s morning in Lebanon and no one has slept. Please continue sharing, donating and helping the rescue efforts. Share photos of missing persons, hotels taking displaced citizens, blood bank locations, or just photos to raise awareness around this humanitarian crisis and country in collapse. Libnan, bmout fikeh ana ♥️

Un post condiviso da Mia K. (@miakhalifa) in data: 5 Ago 2020 alle ore 1:20 PDT

L’appello di Mia Khalifa

“Il mio cuore è in frantumi per il Libano oggi, i miei pensieri e le mie preghiere sono con tutti lì. C’è bisogno di risorse, troverete il link nella mia bio per donare sangue per il Libano.

Il Libano si trova tra la Libia e l’Israele, sono dei vicini piuttosto conflittuali e visto che qualsiasi cosa ci arriva dal porto, adesso che è tutto distrutto abbiamo ancora più bisogno di aiuto. Non vi fermate, donate”. Queste sono state le parole usate da Mia sul suo profilo di Tiktok. Un messaggio simile ha poi voluto lanciarlo anche su Instagram, dove può contare su un pubblico di seguaci molto più vasto.

“Libano è mattina e nessuno ha dormito. Per favore, continuate a condividere, a donare e ad aiutare i soccorsi. Condividete le foto delle persone scomparse, gli hotel che prendono i cittadini sfollati, le sedi delle banche del sangue, o semplicemente le foto per sensibilizzare l’opinione pubblica su questa crisi umanitaria e sul crollo del paese”.

Antonio Maione, 21 anni, studia Giurisprudenza all'Università Federico II. Collabora con Blasting News e con Notizie.it.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Antonio Maione

Antonio Maione, 21 anni, studia Giurisprudenza all'Università Federico II. Collabora con Blasting News e con Notizie.it.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.