×

Sean Connery, le curiosità sulla carriera dell’attore

Condividi su Facebook

Sean Connery, le curiosità sulla brillante carriera dell'attore reso celebre dal personaggio di James Bond.

Sean Connery curiosità carriera

Il mondo del cinema, e non solo, piange la scomparsa di uno degli attori più importanti degli ultimi 60 di storia, Sean Connery, scomparso nella giornata di sabato 31 ottobre 2020 all’età di 90 anni. Celebre per essere stato il primo James Bond della storia, nella fortunata saga di 007, Connery ha avuto una lunghissima carriera costellata anche di importanti premi e riconoscimenti quale un Premio Oscar (per il ruolo di Jimmy Malone ne Gli Intoccabili), tre Golden Globe e due Premi BAFTA.

Sono molte inoltre le curiosità che hanno riguardato la sua carriera.

Sean Connery, le curiosità della sua carriera

Nato in Scozia il 25 agosto del 1930, Sean Connery ottiene fama mondiale grazie al ruolo di James Bond in 007, in quelli che ancora oggi vengono considerati i migliori capitoli della saga. Il talento nella recitazione era accompagnato anche da una indiscussa bellezza e fascino che lo hanno reso, per la rivista People, l‘uomo vivente più sexy nel 1989 e l’uomo più sexy del secolo nel 1999.

Il suo aspetto fisico gli valse d’altronde anche la terza posizione al concorso di Mr.Universo cui partecipò nel 1953, ancor prima di intraprendere la carriera d’attore. In tal senso va poi ricordato che in molti dei personaggi interpretati per il cinema, Connery ha fatto ricorso al parrucchino per coprire la calvizie che lo ha riguardato da quando aveva 17 anni. In tema di aspetto fisico, pare che da giovane l’attore avesse lavorato anche come modello di nudo artistico presso la scuola d’arte di Edinburgo.

L’addio al ruolo di James Bond

Il ruolo di James Bond, così come tutti quelli di grande successo, ha rappresentato per Connery una grande ombra dalla quale uscire. Molti produttori temevano infatti che, anche con altri ruoli, il pubblico avrebbe inteso l’attore sempre come l’agente segreto più famoso del mondo. La dimostrazione di quanto detto sta nel fatto che dopo l’ultimo 007, Una Cascata di Diamanti, Connery dovette aspettare del tempo prima di tornare sul set.

Accadde nel 1974, quando il regista John Boorman lo chiamò per il Zardoz e Connery accettò un compenso molto basso pur di tornare a lavorare.

L’addio al ruolo di James Bond fu abbastanza tormentato e di certo non pacifico, con il produttore della serie, Albert R. Broccoli, fortemente contrariato dalla scelta del proprio protagonista. Ne scaturì una brusca lite con strascichi che si prolungarono anche oltre la morte dello stesso Broccoli: Connery non partecipò infatti al suo funerale.

I ruoli per il cinema

Dopo essere stato James Bond, Sean Connery ha speso ricoperto il ruolo di Re in molti film. È stato Re Daniel Dravot in L’uomo che volle farsi Re nel 1975, Re Agamennone in I banditi del tempo nel 1981, Re Riccardo in Robin Hood – Principe dei ladri nel 1991 e Re Artù in Il primo cavaliere nel 1995. Per poco non interpretò anche Re Filippo di Macedonia in Alexander nel 2004. Un attore con la corona sempre in testa, ma che evidentemente non amava il cappello da mago visto il rifiuto per il ruolo di Gandalf nella saga de Il Signore degli Anelli, non avendo creduto nella trasposizione cinematografica dei libri di Tolkien. Per motivi simili ha rifiutato anche il ruolo di Silente in Harry Potter, John Ammond in Jurassic Park. Il ritiro dal mondo del cinema è avvenuto nel 2005, dopo aver doppiato il videogioco Dalla Russia con Amore, basato sul film omonimo con il suo James Bond.

Nato a Latina nel 1991, è laureato in Economia e Marketing. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con TGcom24, IlGiornaleOff e Radio Rock.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Riccardo Castrichini

Nato a Latina nel 1991, è laureato in Economia e Marketing. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con TGcom24, IlGiornaleOff e Radio Rock.

Leggi anche

Contents.media