×

Carmen Di Pietro su Maradona: “Ero stanca di dovermi nascondere”

Condividi su Facebook

Carmen Di Pietro ha svelato i retroscena della sua storia d'amore clandestina con Diego Armando Maradona.

Carmen Di Pietro Maradona
Carmen Di Pietro Maradona

Carmen Di Pietro ha svelato per la prima volta i retroscena dietro la sua relazione con Diego Armando Maradona, avvenuta all’inizio degli anni ’90 e rimasta praticamente top secret fino alla scomparsa del celebre campione (avvenuta il 25 novembre 2020).

Carmen Di Pietro: la storia con Maradona

Carmen Di Pietro ha svelato che quella con Diego Armando Maradona sarebbe stata per lei una storia intensa e passionale. Il celebre campione all’epoca era sposato con l’ex moglie, Claudia Villafane, e pertanto i due avrebbero fatto di tutto pur di tenere la loro storia all’oscuro di tutto e di tutti. Proprio la segretezza con cui i due avrebbero vissuto il loro amore avrebbe però portato inevitabilmente alla loro rottura: “Volevo di più.

Ero stanca di dovermi nascondere, volevo vivere il nostro amore alla luce del sole”, ha rivelato Carmen Di Pietro.

La storia sarebbe dunque naufragata dopo appena un anno di “amore clandestino”, tra alberghi e incontri pomeridiani: “Il massimo era quando riuscivamo a passare la notte insieme: stavamo abbracciati a guardare il cielo dalla terrazza dell’albergo come due adolescenti. Diego era così felice quando succedeva. Si sarebbe inventato di tutto pur di vedermi”, ha affermato la showgirl sul campione scomparso.

Dopo la morte di Maradona la Di Pietro gli aveva dedicato un post sui social che aveva scatenato una vera e propria bufera, perché nell’immagine sarebbe stato presente un evidente fotomontaggio dei due. In tanti hanno accusato la showgirl di aver postato la foto per ottenere visibilità, critiche a cui lei stessa ha replicato.


Contatti:
1 Commento
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
giuio accesare
7 Dicembre 2020 19:17

Ahoo ma sto paese vive solo de chagnerie.


Contatti:

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora