×

Scatole regalo: come impacchettare al meglio i doni delle feste

Non serve spendere molto: tutto ciò di cui avete bisogno è un pizzico di fantasia. Perché non adottare, per esempio, il "metodo Furoshiki"?

scatole regalo come impacchettare doni

Il modo in cui è confezionato un regalo è destinato a influenzare in maniera significativa la percezione che il destinatario del dono avrà nei suoi confronti. Per questo motivo è importante imparare a impacchettare, e magari scegliere le scatole regalo migliori per una resa ottimale. Non serve spendere chissà quanto, perché ciò di cui si ha bisogno è soprattutto un pizzico di fantasia. Perché, per esempio, non adottare il metodo denominato Furoshiki? Questa tecnica prevede di utilizzare un foulard o una sciarpa di seta, così che il regalo risulti, a ben vedere, duplice.

Usare la tecnica Furoshiki per i pacchi regalo

Tale metodo è raccomandato soprattutto quando il regalo è pensato per una ragazza o per una donna: si tratta di un sistema di packaging che trova il proprio punto di forza in una straordinaria originalità, anche perché offre la possibilità di incartare i regali scegliendo forme particolari, per esempio a mo’ di camicia o di cilindro. Spulciando sul web non è difficile trovare numerosi tutorial che permettono di imparare in breve tempo tutti i segreti del Furoshiki, arte che – per altro – ha il vantaggio di essere sostenibile dal punto di vista ambientale. È chiaro, infatti, che se la confezione è costituita da una sciarpa o da un foulard, questi non saranno gettati nella spazzatura, come avviene di solito con i cartoni.

Come realizzare il pacchetto migliore

Può sembrare esagerato dirlo, ma per incartare un regalo in maniera soddisfacente c’è bisogno di un approccio quasi professionale: niente di eccessivo, ovviamente, ma un po’ di attenzione per non sbagliare. Che cosa occorre? Ovviamente la carta regalo, ma anche alcuni nastri, un po’ di fiocchi, qualche pezzo di nastro adesivo e carta velina in quantità. Con la carta e il nastro adesivo si potrebbe realizzare un vero e proprio sacchetto. Si piega la carta per ottenere un fondo; dopo averla arrotolata, con un fiocco si chiude la parte superiore.

La procedura per realizzare il sacchetto con colletto a camicia

Il sacchetto con il colletto a camicia non potrà che suscitare lo stupore della persona che riceverà il dono. Per realizzarlo, è necessario tagliare la carta arricciata in alto, per poi chiuderla verso il mezzo. Se, invece, si desidera optare per la confezione a caramella, che a suo modo è un classico, è sufficiente impacchettare il dono evitando di coprire i lati, la cui chiusura potrà essere effettuata con dei cordoncini.

Incartare i regali in maniera originale: i metodi migliori

Va molto di moda in questo periodo l’incarto a forma di kimono: per ottenerlo è necessario collocare il dono a due terzi rispetto all’altezza della carta. Quindi si piegano le estremità della carta, e il gioco è fatto. Con la chiusura a portafoglio, invece, ci si ritrova con delle tasche al cui interno si potrà collocare il biglietto di auguri. E se un fiocco basta per ottenere l’effetto della cintura, un’altra tecnica da non lasciarsi sfuggire è quella del doppio incarto, consigliata soprattutto quando si regalano dei prodotti per il corpo o degli articoli di cosmetica. Dopo aver disposto una base di carta per il lungo, si avvolge il prodotto e si alza la confezione, per chiuderla a mo’ di caramella.

Dove trovare scatole regalo originali

Con le scatole regalo della Saul Sadoch si può essere certi di valorizzare i propri doni con colori unici e uno stile originale, capace di catturare l’attenzione. Dalle borse Rex alle Allegra con manico ritorto, passando per le scatole regalo Rex e le borse porta bottiglia, il catalogo del marchio mette a disposizione una grande varietà di soluzioni, in cui spiccano anche le borse Marvel e le scatole Disney. Sadoch è una realtà specializzata nella vendita di carta regalo, tovaglioli, shopper e prodotti cartotecnici. L’azienda ha sede a Trieste, e può contare su strumenti all’avanguardia per ricerca e sviluppo.

I regali per i bambini

Quando il regalo da consegnare è destinato a un bambino, è obbligatorio sbizzarrirsi con la fantasia e lasciare spazio alla creatività. Per esempio, si potrebbe pensare di ritagliare varie strisce di carta di tonalità diverse da attaccare con un po’ di nastro adesivo. In alternativa, si potrebbero ritagliare immagini di cartoni animati o di personaggi famosi dai giornali, così da personalizzare in maniera curiosa il packaging. Un pacchetto realizzato con la carta da pane e chiuso con uno spago, invece, può essere decorato con un po’ di graffette o con qualche piuma finta.

Senza fiocco cosa si può fare?

E se all’ultimo momento ci si accorgesse di non avere un fiocco a portata di mano? Niente paura, perché questo accessorio non è certo obbligatorio. Una potenziale soluzione potrebbe essere quella di prendere un pezzo di carta regalo, piegarlo in due e applicare, in prossimità della piega, vari tagli. Così si ottengono delle frange (è importante evitare di toccare la piega), che si potranno arricciare con un paio di forbici proprio come avviene con un nastro normale. Potrebbe capitare, d’altra parte, di ritrovarsi a corto di carta: se questa non è abbastanza, dopo aver collocato il prodotto in mezzo conviene chiudere le diagonali invece dei lati.

Tante alternative originali

Come si può capire, dunque, non è detto che la carta e il nastro adesivo siano sempre indispensabili per incartare con successo un pacco regalo. Una delle soluzioni più curiose che si possono mettere in pratica, per esempio, è quella che prevede di scegliere un panno lenci colorato: lo si trova in qualunque merceria. Un panno lenci è un panno con caratteristiche tali da impedirgli di sfilacciarsi. In alternativa, perché non usare due tipologie differenti di carta per rendere i pacchi regalo unici? Specialmente se le dimensioni sono voluminose, ne deriva un effetto piacevole e in stile vintage. Infine, l’ultimo suggerimento è quello di usare più di un pacco regalo, uno più grande dell’altro: una sorta di matrioska in cui il pacco più piccolo va messo in quello un po’ più grande, che a sua volta va inserito in uno un po’ più grande, e così via.

Contents.media
Ultima ora