×

Christian De Sica: “Un petardo di Capodanno mi esplose in faccia”

Condividi su Facebook

Christian De Sica ha appena compiuto 70 anni e ha condiviso tanti momenti della sua vita e della sua carriera con i suoi fan.

Christian De Sica
Christian De Sica

Christian De Sica, il 5 Gennaio 2021, ha compiuto 70 anni. Una carriera lunga più di 50 anni alle spalle, tra cinema, teatro e televisione e la volontà di non essere figlio d’arte per riuscire a farcela da solo.

Il suo ultimo film, In vacanza su Marte, sta ottenendo un grande successo sulle piattaforme digitali, mentre continuano le riprese della commedia Chi ha incastrato Babbo Natale.

I ricordi di Christian De Sica

Come riportato da Dagospia, Christian De Sica ha svelato che sicuramente è meglio compiere 24 anni che 70. “Ma ogni mattina mi alzo e ringrazio Gesù per le fortune che ho avuto: una splendida famiglia e un mestiere non ho mai fatto per la fama o per i soldi, ma scegliendo solo le cose che mi divertivano” ha spiegato.

L’attore ha raccontato di aver rifiutato di fare il Conte Tacchia con Gassman e Montesano, nonostante gli avessero offerto 14 milioni di lire, ma di aver accettato Sapore di Mare per 600 mila lire, senza mai pentirsene. Il rimpianto di Christian De Sica è che non gli hanno permesso di fare La porta del cielo, film sulla storia d’amore tra suo padre Vittorio e sua madre Maria. Nessuno riusciva a vederlo fuori dai cinepanettoni, con cui ha guadagnato tantissimo.

È un macello. Non ho la minima idea di quello che guadagno, gestisce tutto mia moglie Silvia. Oggi, a 70 anni, mi dà ancora la paghetta” ha spiegato. Silvia Verdone, sua moglie, gli dà 100 euro a settimana, benzina inclusa, in quanto lui stesso ha ammesso che se potesse spendere liberamente combinerebbe solo guai. “Rischierei di comprare 300 euro di mozzarelle, come feci una volta” ha raccontato. “In Italia il successo non te lo perdonano. Mi hanno fatto tante cattiverie, ma io preferisco cancellarle e pensare solo alle cose belle” ha spiegato Christian De Sica, che ha poi parlato del terribile incidente che ha vissuto e della peggiore cattiveria che gli hanno fatto proprio in relazione a questo episodio.

Nel 2000, quando un petardo di Capodanno mi esplose in faccia mettendomi fuori uso l’ occhio destro, dovevo fare Un americano a Roma al Sistina e più di un collega si precipitò da Garinei dicendo: De Sica ormai è cieco, prendo io il suo posto. Ma dopo 9 operazioni tornai in pista e lo spettacolo fu un enorme successo” ha raccontato. Quell’incidente è il ricordo più brutto della sua vita, ma grazie alla tempestività della moglie di Aurelio De Laurentiis è stato salvato. L’attore ha spiegato di sentirsi un buon marito. “Dopo 40 anni, Silvia e io ci amiamo ancora e ridiamo come al liceo, felici di invecchiare insieme” ha aggiunto. Si sente anche un padre molto affettuoso, sia con i figli che con i loro 12 cani. Da ragazzo pensa di essere stato un buon figlio, educato e rispettoso, che prendeva tutti 30 all’università. “Oggi invece i ragazzi se ne fregano, ma non è colpa loro se sono maleducati e ignoranti. La colpa è della tv, dove basta mostrare le chiappe per avere successo” ha spiegato. Il flop più grande lo ha avuto a 21 anni, quando conduceva una serata a Vibo Valentia, con giacca rosa e capelli lunghi. Ha cantato una canzone in francese ma le persone gli urlavano “ricchi..e”. Ha capito di avercela fatta nel 1991 sul set di Il Conte Max, quando al momento di baciare Ornella Muti le luci si sono accese al suo comando. L’unica cosa che non si perdona è di non aver portato sua madre a Montecarlo dove accompagnava suo papà a giocare, come ultimo desiderio. Ha ricevuto delle critiche per la volgarità nell’ultimo film, ma ha spiegato che è stata la gente a rivolere lui e Boldi in versione cinepanettone e il film sta ottenendo un grande successo. L’attore ha spiegato che le sue ansie riguardano la salute e ha raccontato di aver superato il Covid senza conseguenze.

Nata a Genova, classe 1990, mamma con una grande passione per la scrittura e la lettura. Lavora nel mondo dell’editoria digitale da quasi dieci anni. Ha collaborato con Zenazone, con l’azienda Sorgente e con altri blog e testate giornalistiche. Attualmente scrive per MeteoWeek e per Notizie.it


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Chiara Nava

Nata a Genova, classe 1990, mamma con una grande passione per la scrittura e la lettura. Lavora nel mondo dell’editoria digitale da quasi dieci anni. Ha collaborato con Zenazone, con l’azienda Sorgente e con altri blog e testate giornalistiche. Attualmente scrive per MeteoWeek e per Notizie.it

Leggi anche

Contents.media