×

Pensavo fosse amore invece era un calesse: trama e significato del film di Massimo Troisi

Pensavo fosse amore e invece era un calesse è il penultimo film di Massimo Troisi, dove il comico napoletano riflette con amarezza sull'amore.

pensavo fosse amore invece era un calesse 768x517
Nel 1991 esce Pensavo fosse amore invece era un calesse.

Massimo Troisi è uno degli attori più amati del cinema italiano. La sua carriera breve ma costellata di successi inizia con l’indimenticabile Ricomincio da tre del 1981, insieme all’amico Lello Arena, e si conclude con il Postino, che valse a Troisi tre nomination agli Oscar del 1996 come miglior regia, sceneggiatura non originale e miglior attore, senza però ottenere alcuna statuetta.

Uno dei suoi film più belli è Pensavo fosse amore invece era un calesse, uscito in sala il 20 dicembre del 1991 con un immediato successo al botteghino di oltre 15 miliardi di lire e con protagonista la splendida Francesca Neri.

La Trama di Pensavo fosse amore invece era un calesse

pensavo fosseamore invece era un calesse troisi

Pensavo fosse amore invece era un calesse è una storia d’amore veemente e problematica, dove si rimesta gioia e dolore, orgoglio e dipendenza, dove lo spauracchio è non rimanere da soli con se stessi. Su questo fondo amaro, il genio di Massimo Troisi introduce tutti i cardini del suo cinema: la paura dell’altro (rivisitazione comica dell’incomunicabilità di Antonioni), la timidezza d’animo che sfocia nel malinteso e l’ossessione di essere amati.

In questa storia Tommaso e Cecilia (rispettivamente Troisi e la Neri) sono una coppia innamorata che sta convolando a nozze, ma i dubbi e l’ossessione di venir feriti mina il loro rapporto alla base. Cecilia si convince che Tommaso abbia un’amante, a tal punto da stalkerare il partner e tirargli con violenza i capelli. Un’interessante riflessione dei primi anni ’90, considerati questi becerissimi anni di femminicidi, dove l’uomo è un porco violento. A prescindere.

Tommaso e Cecilia si lasciano, prendendo strade diverse. Cercano di rifarsi una vita ma annaspano nei loro errori, perché sono ancora dipendenti l’uno dall’altra, e su questa situazione Troisi, sceneggiatore e regista, sviluppa le storie comiche dei personaggi secondari: su tutti quella di Amedeo, ruolo che ai David di Donatello del 1992 fece vincere all’attore Angelo Orlando il premio come miglior attore non protagonista, o quello di Enea, interpretato da un bravo Marco Messeri.

Nel finale si ritorna crudelmente al punto d’inizio: Tommaso e Cecilia cedono ai loro bisogni e decidono di sposarsi, ma il giorno delle nozze Tommaso confida a un’indovina di non amare più Cecilia perché uomo e donna non sono fatti per il matrimonio, e affermando che la sposerà comunque.

Il significato del film di Massimo Troisi

pensavofosse amore invece era un calesse

Qual è il significato del film e del suo enigmatico titolo? La risposta la diede lo stesso Massimo Troisi in un’intervista dopo l’uscita del film.

“Perché calesse?…Si possono trovare tante cose con il calesse: si va piano, si va in uno, si va in due, ci sta pure il cavallo…Quando non è più amore ma calesse, bisogna avere il coraggio della fine, piano piano, con dolcezza, senza fare male”.

L’idea di Troisi è abbastanza chiara: l’amore è spontaneità e non deve essere confuso con la passione di coppia o il matrimonio. Se potete recuperate questo film fatelo così da ridere e riflettere grazie alla genialità di uno dei più importanti attori italiani di sempre.

Sono esperto di Cinema e curo la sezione "cinema" di Notizie.it. Mi sono laureato al Dams di Bologna e tratto di film quasi ogni giorno tra il mio canale youtube "Il signor Arkadin" e il mio blog personale "Le follie di Spyke". Ho avuto qualche esperienza di set indipendente, soprattutto in veste di soggettista e sceneggiatore.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Ascanio Bonelli

Sono esperto di Cinema e curo la sezione "cinema" di Notizie.it. Mi sono laureato al Dams di Bologna e tratto di film quasi ogni giorno tra il mio canale youtube "Il signor Arkadin" e il mio blog personale "Le follie di Spyke". Ho avuto qualche esperienza di set indipendente, soprattutto in veste di soggettista e sceneggiatore.

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora