×

Bad boys for life: cast, trama e recensione

Condividi su Facebook

La recensione di Bad Boys for life, il terzo capitolo della saga uscito nel 2020 con il ritorno di Will Smith e Martin Lawrence

Bad boys for life è disponibile in streaming e on demand. Terzo capitolo dello storico franchise iniziato nel 1995, ripropone sul grande schermo le avventure di Mike e Marcus, due poliziotti spudorati che fermano il crimine di Miami in modo violento e poco ortodosso.

Però questa volta dietro la macchina da presa non c’è Micheal Bay, che aveva diretto i primi film, ma il duo di registi belgi conosciuti sotto lo pseudonimo di Adil & Bilall.

Il cast di Bad boys for life

Nonostante siano passati venticinque anni dal primo capitolo e diciassette dal secondo, Will Smith e Martin Lawrence sono tornati a vestire i ruoli che a metà anni 90′ li hanno resi celebri in tutto il mondo.

Will Smith interpreta ancora Mike, un poliziotto libertino e di bell’aspetto sempre pronto a mettersi nei guai, mentre Martin Lawrence quello di Marcus, anche lui un detective che non segue la legge per assecondare le folli azioni del collega Mike.

Nel film c’è pure un ruolo secondario per la cantante Vanessa Hudgens, bambina prodigio e star di High school musical, film Disney per la televisione, dove ha lavorato con Zack Efron, attore con cui ha avuto una relazione che per anni è stato l’argomento principe delle pagine di gossip.

La trama e la recensione del film

Sono passati anni dalle vicende di Bad boys II, e i due amici hanno ormai preso strade diverse.

Mike (W.Smith) continua la sua vita spregiudicata fra relazioni di poco conto e missioni pericolose e adrenaliniche, mentre Marcus (M.Lawrence) ha perso tutta l’energia e la sregolatezza di un tempo.

É sul punto di andare in pensione e si gode la vita familiare con la moglie e la figlia al college.

La trama si accende quando un motociclista misterioso attenta alla vita di Mike che, però, riesce a salvarsi miracolosamente.

Dopo un complicato intervento chirurgico e diversi mesi di riabilitazione, Mike si lancia alla scoperta del killer senza volto e nel farlo coinvolge Marcus, che a malincuore segue l’amico nell’ennesima missione suicida.

A supportarli ci saranno un gruppo di agenti speciali con cui Mike e Marcus faranno amicizia. Tra inseguimenti mozzafiato e scontri a fuoco, si scoprirà che l’assassino proviene dal passato turbolento di Mike.

La pellicola del duo Adil & Bilall sorprende per l’ottimo bilanciamento fra la necessità di recuperare parte dell’atmosfera esagitata dei primi due capitoli della saga e la voglia di rendere Bad boys for life un film interessante anche ai giovani del 2020.

Il film trasuda tutti gli stilemi dell’action anni ’90, con esplosioni e scazzottate con musica pop di sottofondo, sulla falsa riga dei primi due capitoli, eppure nel secondo tempo la trama matura, diventando drammatica con un interessante focus psicologico su tutti i personaggi.

Bad boys for life è un film che vi consiglio se volete passare una serata spensierata fra amici.

Sono esperto di Cinema. Mi sono laureato al Dams di Bologna e tratto di film quasi ogni giorno tra il mio canale youtube "Il signor Arkadin" e il mio blog personale "Le follie di Spyke". Ho avuto qualche esperienza di set indipendente, soprattutto in veste di soggettista e sceneggiatore.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Ascanio Bonelli

Sono esperto di Cinema. Mi sono laureato al Dams di Bologna e tratto di film quasi ogni giorno tra il mio canale youtube "Il signor Arkadin" e il mio blog personale "Le follie di Spyke". Ho avuto qualche esperienza di set indipendente, soprattutto in veste di soggettista e sceneggiatore.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.