×

Biennale di Venezia 2020: Pieces of a Woman e Miss Marx

Condividi su Facebook

Mappa sui film in Concorso di sabato 5 settembre proposti dalla Mostra del Cinema di Venezia 2020: Pieces of a Woman e Miss Marx

La Mostra del Cinema di Venezia 2020 è iniziata!

Nonostante le restrizioni dovute all’emergenza coronavirus il più antico festival cinematografico quest’anno si svolge regolarmente dal 2 al 12 Settembre 2020.

La Biennale Cinema, presieduta da Roberto Cicutto, e il direttore della Mostra, Alberto Barbera, non hanno mai smesso di crederci e si sono impegnati per organizzare un programma all’altezza.

Sono 50 i paesi che da tutto il mondo hanno risposto positivamente alla chiamata veneziana.

L’Italia si presenta in Concorso alla 77ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia con ben 4 titoli:

Padrenostro di Claudio Noce, Miss Marx di Susanna Nicchiarelli, Le Sorelle Macaluso di Emma Dante e Notturno di Gianfranco Rosi, già vincitore della Mostra nel 2013 con Sacro GRA.

La Mostra, in collaborazione con MYmovies, ha anche messo a disposizione una sala web che al modico prezzo di 20 euro consente di vedere 26 film delle sezioni collaterali stando seduti davanti al proprio pc.

I film in Concorso di sabato 5 Settembre

Il terzo giorno dei film in Concorso alla Mostra del Cinema di Venezia 2020 presenta due film molto attesi: Pieces of a Woman dell’ungherese Kornél Mundruczó e Miss Marx della nostrana Susanna Nicchiarelli.

La trama di Pieces of a Woman

Martha e Sean Carson, una coppia di Boston, sono in procinto di avere un bambino.

La loro vita cambia irrimediabilmente durante un parto in casa, per mano di un’ostetrica confusa e agitata che verrà accusata di negligenza criminale.

Comincia così un’odissea per Martha, che deve sopportare il suo dolore e al contempo gestire le difficili relazioni con il marito e la dispotica madre, oltre che confrontarsi in tribunale con l’ostetrica, divenuta oggetto di pubblica denigrazione.

Pieces of a Woman è un’opera personale e dolorosamente familiare, che racconta di una donna che impara a convivere con la sua perdita.

Il film, che vede tra i suoi produttori l’illustre Martin Scorsese (regista di Toro scatenato e The irishman), è diretto dal premiato e talentuoso cineasta ungherese Kornél Mundruczó, al suo primo film in lingua inglese e per la prima volta al Lido.

Il cast può contare su Vanessa Kirby (vista nella famosa serie The Crown), uno Shia LaBeouf (ex star di Transformers) sempre più impegnato, l’impeccabile Ellen Burstyn (Requiem for a Dream) e il buon Benny Safdie (Good Time).

Il regista ungherese, Kornél Mundruczó, del suo film dice: “Mia moglie ed io volevamo condividere con il pubblico una delle nostre esperienze più personali attraverso la storia di un figlio non nato, nella convinzione che l’arte possa essere la miglior cura per il dolore.

La trama di Miss Marx

Eleanor è la figlia più piccola di Karl Marx: tra le prime donne ad avvicinare i temi del femminismo e del socialismo, partecipa alle lotte operaie, combatte per i diritti delle donne e l’abolizione del lavoro minorile.

Quando, nel 1883, incontra Edward Aveling, la sua vita cambia per sempre, travolta da un amore appassionato ma dal destino tragico.

Susanna Nicchiarelli torna a Venezia (nel 2017 aveva trionfato nella sezione Orizzonti con l’originale Nico, 1988) e lo fa con un film ambizioso, con la produzione della solita Vivo film.

La Nicchiarelli ha dichiarato di aver voluto capovolgere i clichés del dramma in costume, di sovvertire l’immagine dell’eroina vittoriana e sostituirla con quella emblematica e moderna di una donna che combatte sul fronte personale e pubblico.

La storia di Eleanor le ha dato la possibilità di parlare di temi contemporanei che ha cercato di trattare con un mix di delicata ironia e profondo rispetto.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche

Contents.media