×

Il giorno sbagliato: trailer, trama e recensione del film al cinema

Condividi su Facebook

Ecco la recensione de il giorno sbagliato, nuovo film con Russel Crowe dove la star perseguiterà una donna colpevole di avergli suonato il clacson

Arriva nelle sale italiane Il giorno sbagliato. Il film è un thriller psicologico del 2020 diretto da Derrick Borte e girato per le strade di New Orleans.

L’ultima volta che abbiamo visto recitare Russell Crowe è stato in The Loudest voice- Sesso e potere, una miniserie televisiva del 2019 dove l’attore, invecchiato e ingrassato, interpreta magistralmente Roger Ailes, il potente fondatore e amministratore delegato di Fox News, canale televisivo molto vicino al partito repubblicano, costretto a dimettersi a causa di 23 denunce di molestie sessuali.

Ben lontano dai fasti del combattente sanguinario de Il gladiatore di Ridley Scott e dal geniale matematico affetto da allucinazioni di Beautiful mind, nel 2017 è tornato a far parlare di sé al fianco di Tom Cruise ne La mummia, remake che ha molto deluso i fan del mostro della Universal.

Ingrassato a dismisura per esigenze di copione e con un pancione che sembra posticcio, Crowe interpreta qui il ruolo di un automobilista psicopatico che, per colpa di un pretesto qualsiasi, decide di stalkerare e rovinare la vita di una donna.

Le strade del male: cast, trama e recensione del film Netflix

Il cast del film

Mentre Crowe veste i panni del guidatore folle, la vittima della sua furia, Rachel, è interpretata da Caren Pistorius, giovane attrice neozelandese nata in Sud Africa, conosciuta dal pubblico per aver rivestito il ruolo di Anne nel film Gloria Bell accanto a Julianne Moore, e quello di Rose in Slow West, western del 2005.

Nel cast troviamo anche nomi non particolarmente noti come Gabriel Bateman (il bambino de La bambola assassina del 2019) o Sylvia Grace Crim, ad eccezione di Jimmi Simpson, l’attore che ha partecipato a diverse produzioni televisive tra cui House of cards – Gli intrighi del potere, con Kevin Spacey e Robin Wrigth (l’ex moglie di Sean Penn), e Westword- Dove tutto è concesso.

La trama de Il giorno sbagliato

Rachel, una giovane donna agitata e nervosa perché è in ritardo al lavoro, commette l’errore di suonare insistentemente il clacson al conducente della macchina che le sta davanti e che non si decide a partire nonostante il semaforo sia verde.

La donna non sa di aver infastidito a Tom, un uomo che ha appena brutalmente ucciso l’ex moglie.

Ne segue una banalissima discussione che scatena nel pazzo una rabbia e una sete di vendetta incontrollate. Fra inseguimenti e omicidi di tutte le persone vicine alla donna, Rachel dovrà cercare di salvare almeno suo figlio…

La recensione de Il giorno sbagliato

Il film targato Solstice Studios e costato 33 milioni di dollari, vorrebbe disegnare il quadro desolante di una società fragile e alienata, che se spinta al limite rischia di impazzire, eppure nei fatti Il giorno sbagliato risulta di una banalità imbarazzante.

Tralasciando la qualità tecnica del film assolutamente nella media, la storia non approfondisce la psiche di Tom e non ci spiega perché si comporti in quel modo.

Quello che ne rimane è uno stucchevole susseguirsi di luoghi comuni dove l’uomo è incapace di controllare i propri istinti e DEVE dipendere necessariamente dalla donna, che è SEMPRE dalla parte della ragione.

Temi molto interessanti se devi vincere le elezioni o se devi alzare lo share del tuo programma serale...non per una storia cinematografica emozionante e profonda che non offenda l’intelligenza dello spettatore.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche

Contents.media