×

Veronica: trama e recensione dell’horror tratto da una storia vera

Condividi su Facebook

In streaming su Netflix Veronica (2017), ultimo film di Paco Plaza tratto da un vero fatto di cronaca accaduto a Madrid nel 1991.

Disponibile su Netflix c’è il film horror sovrannaturale Veronica (2017) che è diretto dal regista Paco Plaza, già regista della saga Rec, con il collega Juame Balguerò, e I delitti della luna piena (2004).

La trama di Veronica

Veronica (Sandra Escacena) è una ragazza adolescente di 15 anni che vive con la madre e i tre fratelli minori nel quartiere popolare di Vallecas a Madrid.

Dopo la morte del padre e il lavoro a tempo pieno della madre, lei è costretta a prendersi cura dei fratelli.

Durante un eclissi solare Veronica assieme a due amiche decide di condurre una seduta spiritica con la tavola oujia nel seminterrato della scuola per mettersi in contatto con il padre.

Qualcosa però va storto e dal portale aperto con l’aldilà farà entrare nella sua vita una strana presenza che comincerà a tormentare sia lei che i suoi fratelli mettendo in serio pericolo la sua vita.

Il cast del film

Protagonista della pellicola l’esordiente Sandra Escacena che per la sua brillante interpretazione guadagnerà una nominaton ai premi Goya come miglior attrice esordiente.

Tra il cast figura Ana Torrent, attrice famosa soprattutto negli anni ’70 per via delle sue interpretazione in Lo spirito dell’alveare (Victor Erice, 1973) e Crìa Cuervos (Carlos Saura, 1976), oltre che per l’interpretazione nel film Il Nido (Jamie de Arminan, 1980), candidato ai premi Oscar nella categoria miglior film straniero di quell’anno.

Ha lavorato anche in Italia nel film Ogro (1979) di Gillo Pontecorvo e nella serie tv di successo internazionale La Piovra.

Nei panni dell’insegnante di storia abbiamo l’attrice spagnola Leticia Dolera, che aveva già lavorato con Paco Plaza nel film Rec 3 – La genesi (Paco Plaza, 2012) e nella serie televisiva britannica Mad Dogs, andata in onda su Sky.

Recensione di Veronica

Paco Plaza trae la sua sceneggiatura da un fatto di cronaca realmente avvenuto in Spagna nel 1991, in cui una ragazza morì in preda alle convulsioni e allucinazioni dopo una seduta spiritica.

Tuttavia Paco Plaza non cita mai realmente i fatti, se non alla fine del film, e preferisce usare la base reale per raccontare la storia di una famiglia disfunzionale in cui la troppa pressione, sommato al trauma psicologico della mancanza di una figura paterna, possano mettere a repentaglio la salute di una ragazza appena adolescente.

La protagonista non riesce a vivere con serenità un’età complessa e di transizione come quella della pubertà, dettaglio più volte evidenziato dalla anoressia della ragazza che appare dipesa dalla sua situazione familiare.

Il genere horror viene utilizzato al meglio dal regista spagnolo che riesce a costruire un’atmosfera lugubre e tenebrosa dove uno spirito maligno, probabile metafora dell’anoressia, incombe costantemente su tutta la famiglia senza che nessuno possa sconfiggerlo.

Un film che non spaventa lo spettatore con trovate banali come i jumpscare, ma attraverso un meccanismo perfetto di inquietudine e disagio che avvolge lo spettatore durante e dopo la visione.

Una pellicola consigliata a tutti gli amanti dell’orrore con un account Netflix.

Appassionato di cinema sin da quando la sorella gli fece scoprire il folle e straordinario mondo di Quentin Tarantino. Di lì in poi la passione cresce sempre di più sino a fargli frequentare e concludere con successo la laurea triennale in DAMS nell'ateneo di Bologna. Appassionato di cinema e divoratore di serie TV di qualsiasi genere e nazionalità, con una predilezione nei confronti del Western, soprattutto italiano, e dell'horror.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Alessio Balbi

Appassionato di cinema sin da quando la sorella gli fece scoprire il folle e straordinario mondo di Quentin Tarantino. Di lì in poi la passione cresce sempre di più sino a fargli frequentare e concludere con successo la laurea triennale in DAMS nell'ateneo di Bologna. Appassionato di cinema e divoratore di serie TV di qualsiasi genere e nazionalità, con una predilezione nei confronti del Western, soprattutto italiano, e dell'horror.

Leggi anche

Contents.media