×

High-Rise – La Rivolta: recensione e trailer del film su Prime Video

Recensione di High-Rise - La rivolta (2015) di Ben Wheatley con Jeremy Irons è disponibile in streaming su Amazon Prime Video

high rise recensione 768x432

In streaming su Amazon Prime Video la pellicola apocalittica High- Rise – La Rivolta (2015) del regista inglese Ben Wheatley e tratto dal romanzo Il condominio di J. G. Ballard.

La trama

high rise recensione 2

Nella Londra del 1975, il giovane medico Robert Laing (Tom Hiddlestone) prende in affitto un appartamento al venticinquesimo piano di un moderno e futuristico condominio che contiene al suo interno tutto ciò di cui i coinquilini hanno bisogno, tutti gli inquilini formano una comunità coesa e autosufficiente.

Gli inquilini sono divisi secondo determinate fasce sociali, chi vive ai piani più alti è più facoltoso e appartiene ad una classe sociale abbiente, mentre chi sta più in basso appartiene ad una classe sociale considerata inferiore. Sul tetto abita l’architetto (Jeremie Irons) che controlla con una tecnologia futuristica tutto l’edificio.

Dei guasti all’edificio cominciano a incrinare i complessi rapporti tra i diversi coinquilini della comunità che cominciano a non uscire più dal condominio scatenando al suo interno una guerra violenta dove solo i più forti riusciranno a sopravvivere.

Il cast della pellicola

high rise recensione 1

Il protagonista è interpretato da Tom Hiddlestone l’attore britannico famoso alla platea internazionale per aver interpretato il dio nordico Loki nel Marvel Cinematic Universe.

Nel piccolo schermo è conosciuto per il ruolo nella miniserie The Night Manager (BBC One, 2016) per cui ha ricevuto una nomination agli Emmy e una vittoria ai Golden Globe.

Nei panni dell’algido architetto l’attore Jeremy Irons, attore premio Oscar per la sua interpretazione nel film Il mistero di Von Bulow (Barbet Schroeder, 1990) e diretto nel kolossal epico-storico Le Crociate – Kingdom of Heaven (2005) diretto da Ridley Scott. Ha inoltre interpretato il ruolo di antagonista nel cult action movie Die Hard – Duri a morire (John McTiernan, 1995).

Nel cast è presente anche l’attrice Sienna Miller pluricandidata per il ruolo di Trippi Herdren nel film per il piccolo schermo The Girl – La diva di Hitchcock (Julian Jarrold, 2012).

Recensione

high rise recensione 3

Ben Wheatley mette in scena la migliore fantascienza, quella con alla base una solida critica e analisi della società contemporanea.

Il condominio rappresenta l’evoluzione e il progresso tecnologico, un progresso dove al cui interno continuano comunque a esistere una divisione gerarchica e classista. Un equilibrio molto precario che si spezza immediatamente quando la prima difficoltà penetra all’interno del grattacielo-condominio.

L’uomo, nonostante la sua tecnologia avanzata, regredisce subito al suo stato bestiale ed animalesco dove le strutture sociali e civili crollano in favore di un clima violento dove solo il più forte e violento prevale sugli altri. Una violenza che piano piano sfumerà per lasciare spazio alla normalità del quotidiano.

High-Rise si presenta come la più solida e precisa trasposizione di un romanzo di Ballard grazie ad una sceneggiatura ben adatta e, soprattutto, ben diretta da Ben Wheatly che adotta uno stile distaccato e freddo che sembra ricordare lo stile di Stanley Kubrick nel cult 2001: Odissea nello Spazio (1968) e alcune pellicole del cineasta greco Yorgos Lanthimos.

Contents.media
Ultima ora