×

Liliana Segre risponde a Patrick Zaki: “Sarei molto felice di incontrarlo”

La senatrice a vita Liliana Segre ha risposto alla richiesta di Patrick Zaki, affermando che sarebbe molto felice di incontrarlo, in futuro.

Patrick Zaki
CREATOR: gd-jpeg v1.0 (using IJG JPEG v62), quality = 82

In seguito alla sua scarcerazione, Patrick Zaki ha espresso il desiderio di poter incontrare la senatrice a vita LilianaSegre. L’attivista e politica italiana ha risposto alla richiesta del giovane uomo egiziano, ingiustamente detenuto per 22 mesi.

Liliana Segre risponde a Patrick Zaki: “Sarei molto felice di incontrarlo”

Poco dopo aver appreso della sua scarcerazione e aver finalmente riconquistato la libertà dopo 22 mesi di ingiusta reclusione, Patrick Zaki ha manifestato il desiderio e la speranza di poter incontrare la senatrice a vita Liliana Segre, in futuro.

Alla richiesta del giovane studente egiziano, l’attivista e politica italiana ha prontamente risposto, rilasciando una dichiarazione diffusa da Pagine Ebraiche, il mensile dell’UCEI, l’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane.

Alla rivista, infatti, la senatrice a vita Liliana Segre ha risposto a Patrick Zaki affermando quanto segue: “Se ha espresso questo desiderio e io sarò in forze, sarò molto felice di incontrarlo.

La sua liberazione è una notizia stupenda”.

Liliana Segre sul caso di Patrick Zaki: “La sua vicenda mi ha molto impressionato”

In relazione alla vicenda legata a Patrick Zaki, la senatrice a vita Liliana Segre, sopravvissuta alla detenzione presso il campo di concentramento di Auschwitz durante la Seconda Guerra Mondiale, ha proseguito rivelando: “La sua vicenda mi ha molto impressionato. Ventidue mesi di prigione in Egitto e quei continui rinvii delle sue udienze.

La pauradettata dall’incertezza del proprio destino. Mi ha fatto ripensare alla mia esperienza. Certo ci sono molte differenze e non si possono fare paragoni, ma io so cosa vuol dire quello che ha raccontato Zaki: la paura per una porta che si apre, quando non sai se dietro ti aspetta la libertà o la mano degli aguzzini”.

Liliana Segre, il sostegno alla mozione sulla cittadinanza italiana a Patrik Zaki

Nel mese di aprile, la senatrice a vita Liliana Segre si era pubblicamente schierata a favore della mozione volta a conferire la cittadinanza italiana a Patrick Zaki, sostenendo l’iniziativa.

Al momento della votazione in Senato sulla mozione, la donna aveva commentato la sorte dello studente egiziano con le seguenti parole: “Sarò sempre presente almeno spiritualmente quando si parla di libertà – e aveva aggiunto – Per me siamo tutti cittadini del mondo, però certo conferirgli la cittadinanza avrebbe ancora un valore“. 

Nell’apprendere della scarcerazione del giovane, poi, ha sottolineato l’importanza simbolica di conferire la cittadinanza italiana a Patrick Zaki.

Contents.media
Ultima ora