×

L’Insulto: trama e personaggi principali

L'Insulto è un film di genere drammatico girato e ambientato in Libano.

default featured image 3 1200x900 768x576

L’Insulto è un film di genere drammatico girato e ambientato in Libano. Si tratta di un film dalla trama impegnata che tratta un problema di rilievo internazionale, cioé la questione dei difficili rapporti tra mondo arabo e mondo cristiano.

L’Insulto

Il film è ambientato in Libano, a Beirut, e i protagonisti sono Toni, un libanese cristiano schierato politicamente con la destra cristiana e Yasser, un profugo palestinese, quindi di fede musulmana, ingegnere civile, che, lasciata la sua terra di origine, lavora come capomastro in un’impresa edile a Beirut. Durante un sopralluogo in un quartiere di Beirut accade un litigio tra Yasser e Toni, un litigio che degenera in una parolaccia, un insulto rivolto da Yasser a Toni.

E’ questo l’insulto a cui fa riferimento il titolo del film. Dall’insulto si passa al litigio, accadimento che può accadere frequentemente, ma che in una città segnata negli anni dagli scontri religiosi, cessa di essere un accadimento normale. La parolaccia, l’insulto pronunciato più per rabbia che altro, viene portato nella aule di un tribunale e degenera da semplice lite a caso di Stato. Poco per volta diventa notizia di portata nazionale e si trasforma in un caso nazionale su cui ognuno ha da dire la sua, non solo, la vicenda si presta ad essere il pretesto per far scatenare il più profondo dissidio tra gli appartenenti alle due religioni riaprendo piaghe e ferite che non si erano mai definitivamente chiuse.

Il film ha ricevuto apprezzamenti per la tematica affrontata, come se si trattasse di una specie di richiamo dell’irrisolto problema etnico-religioso del Medioriente all’attenzione di tutto il mondo. Una buona parte del film è incentrata sulla vicenda giudiziaria e processuale, pertanto il film è stato definito anche court drama. La critica ne ha puntualizzato l’eccessiva enfasi in alcuni momenti, la ricerca di un effetto a tutti i costi, oltre alla non piena caratterrizzazione di alcuni personaggi, soprattutto di quelli femminili. Il film è stato diretto dal regista libanese Ziad Duoeiri che è cresciuto a Beirut durante gli anni in cui lo scontro religioso era particolarmente intenso. Nel 1998 ha diretto e sceneggiato il film West Beyrouth, mentre per la televisione francese ha diretto la serie Baron Noir. L’Insulto, sicuramente un film non banale, rimane a testimoniare un gravoso pezzo di storia contemporanea.

L’Insulto cast

I personaggi principali sono Kamel EL Basha che interpreta Yasser, il profugo palestinese che pronuncia l’insulto. Per questa interpretazione nel 2017 la ricevuto la Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile in occasione del Festival del cinema di Venezia. L’altro protagonista è Adel Karam, cioé il Toni della destra cristiana libanese. Nel cast ci sono anche Camille Salameh, Talal Jurdi, Rita Hayek, Rifaat Torbey, Julia Kassar, Diamand Bou Abboud, Christine Choueiri, Carlos Chahine. Il film è una produzione libanese, francese e statunitense. Il regista Ziad Duoeiri ha avuto recenti problemi con la giustizia libanese che lo ha fermato e poi scagionato per aver girato delle immagini per il film Attak in territorio israeliano, fatto che ai sensi della giustizia libanese costituisce reato.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora